• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Mer04242024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

Due appuntamenti "crime" con Porazzi e de Francisco

Due appuntamenti

Chiopris-Viscone (Ud) - Saranno Pierluigi Porazzi e Luana de Francisco i prossimi ospiti degli incontri con gli autori, nella sala polivalente della biblioteca comunale di Chiopris. Due importanti autori che hanno recentemente legato il proprio nome ad altrettanti loro nuovi libri, editi l'anno scorso e diventati dei successi in Friuli e non solo, che saranno a Chiopris rispettivamente il 16 e 22 Maggio, alle 20.30: “Azrael” e “Mafia a Nordest”.

Il primo, edito da Marsilio, è la terza fatica letteraria del giallista e sequel dell'esordio narrativo “L'ombra del falco” (2010): protagonista per le vie di Udine è sempre Alex Nero, ex agente e ora investigatore, alle prese con un serial killer conosciuto come Azrael. Il suo modus operandi è simile a quello del Teschio, il criminale-nemico del primo volume, ma le nuove sfide per il nostro eroe andranno oltre la semplice indagine scientifica e sfoceranno in questioni morali.

Il secondo libro tratta sempre di criminalità, ma che va ben oltre le pagine di narrativa: l'indagine compiuta dalla cronista del Messaggero Veneto, insieme ai colleghi Ugo Dinello e Giampiero Rossi, svela la fitta ragnatela della ciminalità organizzata che da anni si è annidata in questo angolo remoto di Penisola. Sotto gli occhi di tutti, anche se chiunque direbbe di non essersi mai accorto di nulla: ma i legami tra mafia e imprenditoria non è fantascienza, per poi espandersi nel tessuto sociale ed economico del Triveneto.

Due serata a ingresso gratuito imperdibili.

La poetessa triestina Graziella Semacchi Gliubich premiata dal Comune di Trieste con la medaglia bronzea

La poetessa triestina Graziella Semacchi Gliubich premiata dal Comune di Trieste con la medaglia bro

Trieste - La poetessa e scrittrice Graziella Semacchi Gliubich ha ricevuto la medaglia bronzea del Comune di Trieste per la sua attività pubblicistica e di divulgazione del dialetto triestino.

Il riconoscimento le è stato consegnato nel Salotto Azzurro del Municipio lo scorso martedì 31 maggio.

Graziella Semacchi Gliubich, poetessa ma anche scrittrice in prosa, giornalista e cuoca pluripremiata, ha ottenuto numerosi premi locali e nazionali soprattutto per i volumi di poesia, scritti principalmente in dialetto, ma anche in italiano.

Di recente l'autrice è stata inserita in un importante progetto della Facoltà di Letteratura dell'Università argentina di Rosario.

L'ateneo argentino ha ideato un percorso di letteratura al femminile che si propone di realizzare un'antologia in cui inserire poetesse contemporanee di vari luoghi del mondo.

A collaborare in questo lavoro con il Rettore di quell'Ateneo, prof. Maiorana, c'è la prof. Piemonti, di ascendenze goriziane e mitteleuropee, che gli ha proposto di scegliere, per l'Italia, una poetessa del Nord-Est.

La giornalista triestina Maria Stella Malafronte ha suggerito il nome di Graziella Semacchi Gliubich e la prof. Piemonti, in occasione di una visita natalizia a Trieste, l'ha incontrata, ne ha letto le opere e ha confermato la scelta.

Vista la difficoltà per la doppia traduzione, triestino-italiano e poi spagnolo (l'idea era quella della traduzione con testo a fronte), visto anche il ridotto budget disponibile, il rettore e la professoressa hanno scelto, dell'opera di Graziella, "Dimenticare gli alisei", pubblicato da Ibiskos, una silloge in italiano con cui l'autrice aveva vinto il Premio "Leone di Muggia".

L'idea dell'antologia dovrebbe avere a breve un nuovo, importante, partner: l'Istituto italiano di cultura di Buenos Aires. Sono molti infatti i "Giuliani nel mondo" emigrati in Argentina.   

Link2016, Claudio Gentile racconta se stesso e la sua idea di calcio

Link2016, Claudio Gentile racconta se stesso e la sua idea di calcio

Trieste – Chi lo vide giocare quando era uno dei centrocampisti più forti del mondo, lo ricorda ancora come una leggenda: Claudio Gentile in parte lo fu, insieme a tutto il resto del gruppo che nel 1982, contro ogni pronostico, cambiò la storia del calcio italiano con la vittoria della Coppa del mondo contro le Nazionali più forti di tutti i tempi.

Recentemente l'ex calciatore ha firmato, insieme al giornalista della Gazzetta dello Sport Alberto Cerutti, l'autobiografia dal titolo “E sono stato gentile” (Rizzoli): per parlare di una carriera straordinaria, con successi sia in campo che in panchina da allenatore, i due autori sono stati ospiti di Link ieri pomeriggio in piazza della Borsa. Una storia che poi ha preso una brutta piega, come ha ricordato lo stesso protagonista dell'opera.

La storia di Gentile è particolare fin dall'inizio: nasce, infatti, in Libia e lì vi rimarrà fino agli 8 anni, quando nel 1961 si trasferì prima da alcuni parenti in Sicilia e poi a Brunate, sopra Como. Quel periodo gli rimarrà sempre impresso, sia per il rapporto con la comunità italiana presente laggiù, che lui stesso ha definito molto unita; sia per l'odio verso Gheddafi, già da quando quest'ultimo era un ragazzino e portava le capre nel giardino della nonna del futuro giocatore.

Quando poi divenne dittatore e cacciò i nostri connazionali nel 1969, l'astio verso quest'uomo si enfatizò ma Gentile dovette ingoiare il rospo, in quanto giocava nella Juventus e il libico era socio della FIAT. Della terra natale, poi, l'ospite ha ricordato anche i coetanei africani, che a 8 anni si comportavano come se fossero ben più grandi e che non erano certo “teneri” quando si trattava di giocare a pallone.

Gli onori calcistici, comunque, arrivarono in Italia, dove già all'epoca nelle giovanili del Varese (dove militò per qualche anno) conobbe un altro dei protagonisti di Spagna '82: Antognoni. E pensare che la dirigenza non voleva nemmeno acquistarlo, ma riuscì comunque a trovare spazio in squadra e a diventare la rivelazione della Serie B di quella stagione. Arrivò quindi la chiamata della Juve, di cui lo stesso Gentile era tifoso, anche se il timore di non giocare, visti i nomi presenti, quasi lo distolse dalla scelta.

Di fronte al bivio, scelse però di andare a Torino: qui conobbe l'Avvocato Gianni Agnelli che, come ha raccontato lo stesso ex calciatore, aveva l'abitudine di chiamare la gente il mattino presto per chiacchierare. La sua più grande amarezza, invece, è legata alla finale di Coppa dei Campioni con l'Amburgo, ad Atene: persa nonostante, a dire dello stesso protagonista, la Juve fosse stata la miglior squadra del torneo.

Sono tanti gli annedoti che Gentile ha narrato al pubblico presente: dal rapporto con Socrates alla Fiorentina a come finì per marcare Maradona e Zico a quel Mondiale, diventando così una vera e propria leggenda. La carriera da allenatore, poi, è costellata di successi con L'Italia U21 come la vittoria all'Europeo e la medaglia di bronzo alle Olimpiadi; ma anche di bassezze, come il tiro mancino giocatogli dalla FIGC dopo Calciopoli, impedendogli di andare ad allenare la Juve in Serie B prima promettendogli il rinnovo del contratto, poi silurandolo.

La voglia di allenare, lo ha fatto capire, è tanta e qualcuno gli chiede se ripartirebbe dal basso con la Triestina: sorrisi e applausi dal pubblico fanno da coro d'incoraggiamento. Difficile però che si lo vedraà di nuovo in città in veste di mister, ma mai dire mai.

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.