• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Gio07182024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

A Gemona il documentario inedito "Porzûs: due volti della Resistenza"

A Gemona il documentario inedito

Mercoledì 23 maggio alle 21, la Cineteca del Friuli presenta a Gemona, al Cinema Sociale, il documentario inedito "Porzûs: due volti della Resistenza", un’interessante raccolta di interviste a testimoni e storici dell’eccidio realizzata nel 1983 dal filmmaker veneto Enrico Mengotti. Il video sarà introdotto e commentato in sala dall’autore e dal prof. Paolo Strazzolini.

Dell’esistenza di questo documentario si parlò per la prima volta alla Mostra di Venezia del 1997, in occasione della presentazione del film Porzûs di Renzo Martinelli. Mengotti era presente alla proiezione e commentò negativamente il lavoro di Martinelli, che trovava pieno di inesattezze, “la più grave l'aver dipinto la Turchetti come una spia dei nazisti mentre è provato che non fu così”.
Venne fuori che “quella storia” lui l’aveva girata quattordici anni prima in due versioni – una raccolta di testimonianze e un film che ricapitolava gli eventi – ma, forse perché i tempi non erano maturi, non aveva trovato nessun distributore interessato.

Rimane il fatto che Enrico Mengotti è stato il primo cineasta a indagare sugli eventi di Porzûs e, nel documentario, si sofferma a lungo proprio sulla figura di Elda Turchetti, che insieme a Francesco De Gregori (“Bolla”, zio del cantautore) e a Gastone Valente (“Enea”) fu tra le prime vittime dell’eccidio. Degli storici interpellati, il primo è Marco Cesselli, autore del libro Porzûs: due volti della resistenza, da cui lo stesso documentario prende il nome.

Fra le altre cose, Cesselli mostra una dichiarazione scritta da Mario Toffanin (“Giacca”), nella quale il comandante della formazione GAP responsabile dell’eccidio dà, a distanza di 25 anni, la sua versione dei fatti. Fra le altre voci ascoltate, quella di Sergio Gervasutti in qualità di autore del libro "La stagione dell’Osoppo"; Giovanni Padoan (“Vanni”) e Mario Lizzero (“Andrea”), commissari politici rispettivamente della divisione Garibaldi-Natisone e della divisione Garibaldi-Friuli; il comandante partigiano Giorgio Zardi (“Glauco”); i partigiani della Osoppo Giulio Emerati e Libero Fattori; Massimo, l’uomo che salì per primo alle malghe la mattina dopo la strage; e Italia Binutti, che ricompose le salme di “Bolla”, “Enea” e di Elda Turchetti.

L’estate di Giacomo del giovane regista friulano Comodin trionfa in Corea del Sud

L’estate di Giacomo del giovane regista friulano Comodin trionfa in Corea del Sud

L’estate di Giacomo del giovane regista friulano Alessandro Comodin ha messo a segno un altro successo internazionale. Vincitrice la scorsa estate a Locarno del prestigioso Pardo d’Oro nella sezione Cineasti del Presente, a Lisbona con il Prémio de Distribuição TVCine all’Indie Lisboa Festival e a Belfort con Gran Prix al Festival di Belfort, la  delicata storia di formazione del giovane e sordomuto Giacomo ha conquistato anche pubblico e critica d’oltreoceano e vinto in Corea del Sud il Woosuk Award nella sezione internazionale del Festival di Jeonju.  

Il premio assegnato a L’estate di Giacomo, pari al valore di 10,000 Dollari e aggiuntivo di un finanziamento di 5,000 Dollari, è l’ennesimo riconoscimento ottenuto dal giovane regista originario di S. Vito al Tagliamento per un’opera che immerge nell’incanto del paesaggio friulano una storia dal valore universale, capace di incantare e commuovere ad ogni latitudine. 

Opera prodotta da FaberFilm, Les Films D'Ici e Les Films Nus in collaborazione con Wallpaper, CBA e la casa di distribuzione friulana Tucker Film.

 

  

 

Per il film Carnia 1944 il regista Rossitti a Gemona

Per il film Carnia 1944 il regista Rossitti a Gemona

Giovedì 10 maggio alle ore 21.00 al Cinema sociale di Gemona sarà proiettato il nuovo film di Marco Rossitti, Carnia 1944- Un’estate di libertà, dedicato a quella straordinaria,  stagione di libertà e democrazia che fu la Repubblica della Carnia e dell’Alto Friuli,  evento a cura della Cineteca del Friuli . Per introdurre il film e incontrare il pubblico saranno presenti il regista Rossitti, l’ideatore del progetto Giovanni Spangaro “Terribile”, il consulente storico per l’Università di Udine Andrea Zannini, l’attore Massimo Somaglino e l’autore della sceneggiatura Carlo Tolazzi. Nel cast tecnico-artistico del film si segnala anche la presenza di Bruno Beltramini alla fotografia, Eleonora Cao al montaggio, Teho Teardo per le musiche e tra gli interpreti Leonardo Zanier, Riccardo Maranzana e Giulio Magrini.

Dopo aver ascoltato in classe il racconto di un vecchio partigiano su un fatto drammatico della Resistenza – l’incendio di Forni di Sotto da parte delle truppe tedesche nel 1944 –, una scolaresca delle superiori viene condotta sui luoghi della Repubblica libera della Carnia. Qui, attraverso le spiegazioni di un professore, i ragazzi rivivono fatti e stati d’animo di quegli anni, immedesimandosi a tal punto da ritrovarsi – fra realtà e immaginazione – immersi nell’esperienza narrata. Al termine della giornata, la visita alla casa del medico Aulo Magrini, morto in combattimento, e l’incontro con il figlio Giulio che ricorda l’ultimo saluto al padre, permettono ai ragazzi di comprendere l’attualità civile di quella eccezionale vicenda storica.

Realizzato in collaborazione con la FVG Film Commission, e parte del più ampio progetto “Repubblica della Carnia 1944 - Alle radici della libertà e della democrazia” dell’Università di Udine e della Regione Friuli Venezia Giulia, Carnia 1944 - Un’estate di libertà racconta in modo originale l’epopea della Repubblica partigiana con l’intento di farla conoscere ai più giovani.

 

 

 

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.