• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Ven06142024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

La Corte europea di giustizia rischia di rendere inefficace il divieto di coltivazione delle sementi Ogm in Regione

sementi Ogm in Regione

Lussemburgo - È del 6 settembre scorso la sentenza della Corte di giustizia europea la quale stabilisce che l’Italia non può bloccare la semina di sementi geneticamente modificate (Ogm): "la messa a coltura di Ogm quali le varietà del mais Mon 810 non può essere assoggettata a una procedura nazionale di autorizzazione quando l’impiego e la commercializzazione di quelle varietà sono state autorizzate dall’UE".

Si riapre così la questione delle colture transgeniche nella nostra Regione. Nell'agosto dello scorso anno due campi erano stati sottoposti a sequestro a Mereto di Tomba e Vivaro, in seguito alla scoperta della presenza di mais transgenico.

Nel 2011 la regione Friuli Venezia Giulia si era infatti dotata di una legge sulla coesistenza tra coltivazioni tradizionali e coltivazioni transgeniche (linee guida) che di fatto vieta la coltivazione degli Ogm.

Ora si teme che la sentenza dia nuovamente via libera alle coltivazioni di mais modificato nella nostra Regione, portate avanti principalmente dall'Associazione Futuragra di Pordenone, che ha così commentato in una nota: "Dopo anni di battaglie legali e di reiterate richieste, la decisione della più alta corte europea è una conferma delle nostre ragioni e dei nostri diritti" - ha dichiarato Duilio Campagnolo, presidente di Futuragra.

"In un momento di crisi dell'agricoltura tanto grave, questa decisione rappresenterà una grande opportunità per gli agricoltori italiani" - ha aggiunto Silvano Dalla Libera, vicepresidente di Futuragra. - "Dopo un anno particolarmente difficile per i maiscoltori a causa delle elevate temperature e della forte presenza di parassiti quali la piralide e la diabrotica, ci incoraggia sapere che da oggi, grazie all’adozione degli Ogm, anche per gli agricoltori italiani sarà più semplice mitigare questi effetti avversi salvaguardando la redditività e l’ambiente e producendo alimenti più sani. Chiediamo pertanto l’immediata abrogazione di tutte le leggi italiane contrarie agli Ogm e il rispetto delle normative europee".

Contro gli Ogm si erano tuttavia pronunciati più volte autorevoli istituzioni ed associazioni di categoria.

Il 19 marzo del 2010, l'allora Ministro delle Politiche Agricole Zaia aveva vietato la semina con un decreto, applicando la normativa italiana (ddl 212/2001) e dopo avere raccolto i pareri (tutti negativi) degli organismi preposti a darlo:
- Commissione nazionale “Sementi geneticamente modificate” (voto all’unanimità)
- Ministero dell’Ambiente
- Ministero della Salute
- Regioni Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Toscana e Veneto.

Essendo inoltre obbligatoria una valutazione pubblica per gli Ogm, il Ministro Zaia aveva tenuto in dovuto conto anche il parere contrario di 16 Regioni, 41 Province e 2.446 Comuni italiani, tutti dichiaratisi spontaneamente “Liberi da Ogm” (Ogm free); i due maggiori sindacati di agricoltori: la Coldiretti (9.812 sezioni, nelle 18 Regioni e 568.000 agricoltori) e la C.I.A.(Confederazione Italiana Agricoltori); la maggiore catena di distribuzione alimentare, Coop Italia; numerose maggiori marche di prodotti alimentari come Barilla, Amadori, Bovinmarche, Fileni; la coalizione di Ong “Liberi da Ogm”, tutte le maggiori associazioni ambientaliste, e numerose altre organizzazioni della Società Civile; numerosi gruppi di parlamentari di tutte le correnti (in particolare Gianni Alemanno, già ministro dell’Agricoltura e oggi sindaco di Roma).

Ora associazioni di categoria ed ambientalisti temono che il rafforzamento dei gruppi di pressione delle multinazionali agricole sulle istituzioni europee provochi una caduta a raffica dei divieti agli Ogm, con un'irreparabile perdita in termini di sicurezza alimentare e biodiversità.

Transito di scorie nucleari dal Piemonte in Veneto e Friuli Venezia Giulia: perplessità e proteste

Transito di scorie nucleari dal Piemonte in Veneto e Friuli Venezia Giulia: perplessità e proteste

Trieste - Le scorie radioattive dell’ex centrale nucleare di Trino Vercellese partiranno dal porto di Trieste. Al passaggio del treno si oppongono associazioni ambientaliste ed istituzioni locali. All’inizio di novembre il convoglio dovrebbe trasportare quintali di scorie dal deposito piemontese di Saluggia fino al porto del capoluogo giuliano, dove verrebbero caricate su una nave che le porterebbe negli USA, assieme ad altre scorie provenienti dall’Austria e imbarcate in precedenza a Capodistria (Slovenia).

Protestano i consiglieri comunali di Trieste 5 Stelle: "Sebbene l'autorizzazione al transito sia di compentenza della Regione, il sindaco Cosolini avrebbe dovuto far sentire la sua voce - affermano Paolo Menis e Stefano Patuanelli in una nota. "Al di la del caso specifico, il primo cittadino dovrebbe intervenire soprattutto per far togliere Trieste dall'elenco dei porti nucleari italiani e contemporaneamente attivarsi, come richiesto lo scorso anno dal Movimento 5 stelle Trieste, per una seria redazione di un piano di emergenza nucleare".

Anche la Rete Ambiente Veneto, che unisce decine di Associazioni e Comitati veneti attivi nella difesa del territorio, afferma: «Fermeremo il treno delle scorie nucleari» anche perché, secondo il portavoce Michele Boato, «lo scopo del rientro di tali scorie non è di tipo civile, ma militare».

L’assenso al trasporto di scorie radioattive è stato dato dal presidente del Consiglio Mario Monti al presidente degli Stati Uniti Obama nel marzo scorso, alla totale insaputa delle Regioni che saranno attraversate.

«Il parere chiesto alle Regioni da parte del Governo per il transito sul territorio del Veneto di scorie radioattive riceverà da noi un secco no. So che il nostro parere non è vincolante e quindi potrebbe non essere ascoltato, ma rimane forte la ferma convinzione che il Veneto non debba essere fatto parte attiva di questo percorso della radioattività». Così si era espresso l'assessore all'Ambiente veneto, Maurizio Conte, ribadendo «l'opposizione di palazzo Balbi all'ipotizzato transito attraverso parte del Veneto di un convoglio con materiali radioattivi diretto in Friuli».

«Questo transito - aveva  concluso Conte - non deve essere una sorta di servitù senza ritorni e senza assenso. Il Governo di Roma non dovrebbe chiedere un coinvolgimento degli enti territoriali senza poi tenere nella dovuta considerazione la loro opinione, a maggior ragione se si tratta di materiali appartenenti ad altri Paesi».

Terremoti: scossa 2.6 in Friuli, vicino frontiera slovena

Terremoti: scossa 2.6 in Friuli, vicino frontiera slovena

TRIESTE - Una scossa di terremoto di magnitudo 2.6 (ML Richter) si e' verificata in Friuli alle 13:01 di oggi, 3 settembre, con epicentro nel comune di Pulfero, a cinque chilometri da Savogna (Udine) e vicina alla frontiera con la Slovenia. Lo segnala la Protezione civile del Friuli Venezia Giulia precisando che il sisma si e' irradiato in un'area che comprende i comuni di Faedis e San Pietro al Natisone, tutti in provincia di Udine.

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.