• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Dom05262024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

"La nostra cittadinanza": comunicare oltre la disabilità

Trieste - Nei mesi scorsi è stato portato nelle scuole e nei cinema di tutta la Regione, proporremo un incontro in Camera di Commercio mercoledì 29 giugno alle 17.30, aperto a tutta la cittadinanza, dal titolo "Comunicare oltre le disabilità".

Immaginate un sordo e un cieco impegnati in un dialogo al centro dell'agorà, della piazza cittadina. Cosa si diranno? Come comunicheranno tra loro? E come affronteranno quotidianamente gli ostacoli e le paure legate all'isolamento, che spesso consegue alla disabilità? L'ultima tappa del progetto “La nostra cittadinanza: immaginario e sogni dei non vedenti”, che conclude un percorso durato quasi un anno, è un esperimento sull'abbattimento delle barriere, sull'inclusione e sulla conoscenza reciproca.

Con un incontro pubblico che, attraverso una serie di testimonianze personali, tra cui quella dello scrittore Pino Roveredo, chiama tutti a interrogarsi sui potenziali cognitivi e comunicativi di cui siamo portatori, sulle barriere che ci dividono, sulle difficoltà di relazione, su una normalità possibile da realizzare come cittadini di un'unica città.

Un esperimento che a Trieste, nell’incontro pubblico, mercoledì 29 giugno, metterà insieme, attorno a un tavolo, ciechi, sordi e persone con diversi tipi di disabilità, per raccogliere le loro testimonianze di vita e raccontare le diversità delle disabilità e per stimolare un dialogo che porti oltre le disabilità.

“La nostra cittadinanza” significa in primo luogo un'analisi sullo stare insieme, il relazionarsi, Il progetto a carattere divulgativo/formativo è stato presentato con successo in diverse scuole di tutte le quattro province della Regione FVG e nei cinema, per raccontare la diversità, anche attraverso la proiezione di alcuni estratti dal documentario “La spada invisibile” di Massimiliano Cocozza che svolge un curioso interrogativo: cosa sognano i ciechi? Anche in questo appuntamento, per dare il via alla dibattito, si partirà dalla proiezione degli estratti del film, che "Laddove è stato proposto" - racconta la prof.ssa Gabriella Valera, presidente dell'associazione Poesia e Solidarietà - “ha acceso interrogativi più ampi: riflessioni sui potenziali cognitivi e comunicativi di cui siamo portatori, sulle barriere che ci dividono, sulle difficoltà di relazione, su una normalità possibile da realizzare come cittadini di un'unica città”. Con quest'incontro, organizzato dall'associazione e intitolato “Comunicare oltre le disabilità”, si allargherà il campo a un discorso che coinvolge le diverse disabilità, introdotto dal saluto della Regione FVG dal consigliere Franco Codega.

Ospite d'eccezione dell'appuntamento, introdotto dalla prof.ssa Gabriella Valera, sarà Pino Roveredo, scrittore e giornalista, operatore di strada afferente a diverse organizzazioni umanitarie che lavorano in favore delle categorie disagiate, che dopo la proiezione del filmato porterà la sua testimonianza di vita.

“Sono nato nel 1954 da una famiglia normalissima – racconta Roveredo -. Per me ‘particolari’ erano gli altri. Mio padre e mia madre erano sordomuti, da cui il mio primo soprannome di ‘figlio dei muti’. I miei primi ricordi sono di affetti rumorosi: i sordomuti quando abbracciano, abbracciano davvero e quando baciano, baciano davvero”.  Al suo intervento, intitolato “Guardare con gli occhi”, seguiranno le testimonianze di Maria Chiara Coco (associazione Diritto di Parola), Giuseppe Cocevari, giovane protagonista del film “Voci nel buio” del regista Rodolfo Bisatti, Sebastian Stuparich (associazione Diritto di Parola), Fernanda Flamigni - autrice insieme a Tiziano Storai di “Non volevo vedere” (edizioni Ediesse), che racconta la tragedia del '96, quando suo marito sparò rendendola cieca -, Francesca Lisjak, presidente regionale Ente Nazionale Sordi, Vincenzo Zoccano, presidente della Consulta Regionale dei Disabili. All'incontro parteciperanno inoltre rappresentanti del CEST (Centro educazione speciale Trieste), Jasmin Nonis, dirigente scolastica del Liceo artistico “Nordio”, e Alfredo Sidari, presidente di Azzurra, Associazione Malattie Rare Onlus.

L’iniziativa, realizzata in partnership con la Consulta Regionale dei Disabili e Univoc, in collaborazione con a Camera di Commercio di Trieste e UICI Pordenone, con l'amichevole partecipazione del PEN Club Trieste, è promosso nell’ambito del progetto “La nostra cittadinanza: immaginario e sogni dei non vedenti” finanziato dalla Regione FVG, Direzione centrale, cultura, sport e solidarietà – Servizio volontariato e lingue minoritarie.

ShorTS International Film Festival: Matilda De Angelis protagonista della prospettiva 2016

ShorTS International Film Festival: Matilda De Angelis  protagonista della prospettiva 2016

Trieste - Presentata oggi, lunedì 20, la rassegna di  quest’anno di ShorTS International Film Festival che invaderà Trieste dal 1 al 9 luglio 2016 compiendo ben 17 anni.  Lo farà proprio come l’immagine del festival di quest’anno: con la grazia di un passero ma con la potenza e l’impatto di un rinoceronte, irrompendo nelle serate estive in collaborazione con TriestEstate e con il contributo di Mibact, Regione – Assessorato cultura, sport e solidarietà, Regione – Assessorato alle attività produttive, alla cooperazione e al turismo, Fondazione CRTrieste e Fondazione Casali.

Novantaquattro  cortometraggi provenienti da 26 Paesi – tra cui Turchia, Francia, USA, Spagna, Kenya, Egitto, Libano, Iraq e naturalmente Italia - selezionati tra 1400 arrivati da tutto il mondo, 7 opere prime italiane in concorso, 3 laboratori sui Mestieri del Cinema, 2 giorni di workshop con Andrea Segre – al quale verrà dedicato anche l’omaggio 2016 – itinerari sui luoghi del cinema e un focus sul cinema ungherese in collaborazione con il Busho Film Festival. In tutto 35 anteprime italiane tra cortometraggi, opere prime e eventi speciali tra cui la presentazione del film in anteprima assoluta “Rubando Bellezza” di Di Laura Bagnoli, Danny Biancardi e Fulvio Wetzl sulla famiglia Bertolucci e con Bernardo Bertolucci atteso ospite di questa 17^ edizione.

Matilda De Angelis, recentemente uscita in “Veloce come il vento” sarà la protagonista della Prospettiva 2016.

Incontri, workshop, eventi speciali e l’anteprima mondiale “Rubando Bellezza” diretto da Fulvio Wetzl, Laura Bagnoli e Danny Biancardi sulla vita di e con Bernardo Bertolucci, attesissimo ospite del festival, l’incontro con i produttori del triveneto in collaborazione con AGPCI - Associazione Giovani Produttori Cinematografici Indipendenti - la proiezione di La santa che dorme di Laura Samani di Trieste e ambientata nelle Valli del Natisone, recentemente presentato a Cannes, moltissimi premi – tra cui il Premio Enel, la nuova collaborazione con il SNCCI, il Premio nella casa circondariale di Trieste “Oltre il Muro”, il Premio Bakel, il Premio TriesteCaffè – e un contest in collaborazione con Il Piccolo: Shorts Surf the Web.

Tra gli ospiti in giuria Elisa Fuksas (regista), Alessandro Corsetti (rai cinema), Alessandra Priante (Mibact), Paul Baboudjian (produttore) e Cecilia Dazzi (attrice), Diane Fleri (attrice), Federico Spoletti (fred film radio), Marco Amenta (regista), Marina Marzotto (moviemax media group) e Thomas Trabacchi (attore). 

Informazionie programma completo al www.maremetraggio.com

ShorTS International Film Festival: tante novità

ShorTS International Film Festival: tante novità

Trieste - Sono sette le opere prime italiane in concorso quest’anno nella sezione Nuove Impronte di ShorTS International Film Festival di Trieste: film ancora inediti o poco visti nelle sale cinematografiche, realizzati da registi italiani al loro esordio nel lungometraggio.

E per la prima volta in assoluto nella storia di ShorTS, tra i film che saranno proiettati al Cinema Ariston dal 1 al 9 luglio 2016, c’è anche un’anteprima nazionale: “I Cormorani”, opera prima di Fabio Bobbio prodotta dalla Strani Film di Fabio e Paolo Cavenaghi, Mirko Locatelli e Giuditta Tarantelli, i quali hanno scelto Trieste come prima data per la loro prima proiezione sul territorio nazionale.

Attraverso la sezione “Nuove Impronte”, ShorTS International Film Festival vuole dare risalto a un volto inedito o comunque poco noto della cinematografia italiana e della sua produttività: registi emergenti che dal cortometraggio si sono cimentati per la prima volta nella realizzazione di un lungo, autori indipendenti, sperimentali, audaci o magari già in grado, fin dal loro esordio, di pensare in grande. Questo per offrire una panoramica non esaustiva, ma certamente indicativa su ciò che è, o ciò che potrebbe essere, il cinema italiano del prossimo futuro.

«Quest’anno – spiega Beatrice Fiorentino, critico cinematografico e curatrice della sezione – si tratta di opere prime coraggiose e vitali, selezionate per la capacità di imporsi con un gesto filmico sempre incisivo. La selezione avviene tra i film meno visti, quelli che non hanno trovato distribuzione o che sono passati inosservati e avrebbero meritato maggiore attenzione. Il festival è alla costante ricerca di film e autori dalla spiccata personalità ».

Evento in collaborazione con TriestEstate e con il contributo di Mibact, Regione – Assessorato cultura, sport e solidarietà, Regione – Assessorato alle attività produttive, alla cooperazione e al turismo, Fondazione CRTrieste e Fondazione Casali.

www.maremetraggio.com

 

 

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.