• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Mer02282024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

Maxi evasione fiscale scoperta dalla Finanza di Trieste. Sequestri per 18 milioni di euro

Maxi evasione fiscale scoperta dalla Finanza di Trieste. Sequestri per 18 milioni di euro

Trieste - Il capoluogo giuliano si conferma crocevia di un’ampia rete di truffe ai danni dello Stato legate ai traffici di carburante.

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Trieste, oltre ad aver intercettato carichi in transito attraverso il confine giuliano che hanno permesso di sequestrare 46 autobotti/camion e circa 1,3 milioni di litri di gasolio di illecita provenienza, ha scoperto una gigantesca evasione fiscale per circa 18 milioni di euro.
 
L’inchiesta, col nome in codice di “Dirty credit” è partita da Trieste, si è sviluppata su tutto il territorio nazionale ed ha portato, il 6 settembre, all’arresto di 4 persone.

La truffa ha visto all’opera un gruppo di imprenditori, attivi principalmente in Lombardia, che hanno acquistato, nel corso degli ultimi mesi, ingenti quantitativi di prodotto petrolifero, estraendolo da un maxi-deposito fiscale ubicato a Trieste.

L’uscita del prodotto dal deposito origina un debito tributario, in quanto l’idrocarburo esce da un regime “sospensivo” e viene assoggettato al pagamento dell’imposta.

I quantitativi acquistati sono stati molto consistenti. Il conseguente debito tributario è arrivato ad ammontare a circa 10 milioni di euro.

Per fronteggiare l’esborso milionario, le imprese acquirenti non hanno materialmente optato per il pagamento monetario delle imposte dovute, ma hanno utilizzato il sistema della “compensazione”, una possibilità, questa, prevista nel nostro ordinamento tributario che consente di sottrarre gli importi a debito con altrettanti “crediti tributari” vantati da un’impresa.

Questa sistematica modalità di pagamento ha destato sospetti ed ha attratto l’attenzione della Procura della Repubblica di Trieste che ha voluto approfondire l’origine effettiva di questi crediti “spesi” per evitare il pagamento diretto di altri tributi.

Il I Gruppo Trieste ha, quindi, sviluppato indagini attraverso riscontri documentali, escussioni in atti, perquisizioni e sequestri, operando per mesi su tutto il territorio nazionale.

Oltre all’individuazione di 3 soggetti lombardi, titolari, sia di diritto che di fatto, di 9 società del settore, beneficiarie della frode, i militari hanno fatto luce su una rete, composta da professionisti compiacenti, che consentiva l’acquisto di crediti IVA fittizi – generati principalmente da imprese decotte – e, successivamente, si adoperava per trasferirli a beneficio delle società obbligate al pagamento delle imposte sugli oli minerali mediante due diverse modalità: attraverso contratti di compravendita “formalmente” regolari, oppure mediante l’accollo e compensazione di posizioni IVA create da commercialisti compiacenti in capo a terzi soggetti ignari.

I crediti IVA fittizi, così creati solo sulla carta, venivano ricondotti alle società di capitali coinvolte negli illeciti e poi utilizzati per il “pagamento” delle accise gravanti sul prodotto petrolifero.

Sulla scorta del quadro investigativo ricostruito dalle Fiamme Gialle, la locale Procura della Repubblica ha richiesto ed ottenuto dal G.I.P. del Tribunale di Trieste l’emissione di provvedimenti restrittivi nei confronti di 4 soggetti – tre imprenditori lombardi ed un commercialista toscano – principali artefici della frode, per i quali il Giudice ha disposto gli arresti domiciliari.

Contestualmente, nei confronti di 10 indagati è scattato il sequestro preventivo “per equivalente” per un controvalore pari all’entità dell’evasione realizzata da ciascuno, per distinti importi complessivamente pari a circa 18 milioni di euro.

Oltre a dare esecuzione agli arresti, i Finanzieri stanno procedendo a cautelare disponibilità finanziarie e possidenze immobiliari riconducibili, anche per interposta persona, agli indagati.

Le attività, condotte in un unico contesto temporale, sono state sviluppate in Lombardia, Piemonte, Liguria, Toscana e Lazio, in collaborazione con altri reparti territoriali del Corpo, prevedendo l’impiego di circa 40 militari e di 15 autoveicoli.

Infermiere dell’ospedale di Trieste sottrae il bancomat a un paziente in dialisi e ruba 7000 euro

Infermiere dell’ospedale di Trieste sottrae il bancomat a un paziente in dialisi e ruba 7000 euro

Trieste - La Polizia di Trieste ha arrestato un uomo, Andrea L., 46 anni, infermiere dell'Ospedale di Cattinara, con l’accusa di aver rubato la carta bancomat di uno dei pazienti del reparto dialisi ed effettuato molteplici prelievi allo sportello automatico mentre la vittima era sottoposta al trattamento.

Il danno causato, da gennaio ad oggi, è stato quantificato in circa 7.000 euro. L'arresto è avvenuto in flagranza da parte degli agenti del Commissariato San Sabba, con la collaborazione degli operatori del Posto di Polizia dell'Ospedale, in seguito alla denuncia della direzione dell'Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste e del paziente, un triestino di 77anni, che aveva scoperto casualmente i prelievi sull'estratto conto.

L'infermiere è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione. La Polizia di Stato invita tutti pazienti di quel reparto ad effettuare un controllo del proprio conto corrente e, qualora vi fossero dei movimenti sospetti, di segnalarli immediatamente al Commissariato S.Sabba



 

 

 

Figurava nullatenente in casa popolare: Finanza scopre evasore per oltre 1 milione

Figurava nullatenente in casa popolare: Finanza scopre evasore per oltre 1 milione

Trieste - La Compagnia della Guardia di Finanza di Prosecco (Ts) ha recentemente concluso una verifica fiscale condotta nei confronti di un evasore totale che, pur vivendo in una casa popolare per mancanza di redditi, si permetteva il lusso di spendere anche più di mille euro al mese con la carta di credito.

Per l’avvio delle attività ispettive, coordinate dal Comando Provinciale, si è reso necessario procedere ad una richiesta di mutua assistenza amministrativa agli organi di polizia estera in quanto, dalle banche dati esaminate nel corso di altra attività, era emersa una dubbia fattura relativa ad una compravendita di natanti e lussuose imbarcazioni da diporto tra soggetti esteri e clienti privati nazionali.

Dalle indagini, sviluppate anche con notizie acquisite dal web, è risultato che il “nullatenente”, totalmente sconosciuto al fisco, proponeva la vendita di imbarcazioni a mezzo siti internet specializzati nel settore.

L’analisi della documentazione acquisita nel corso della verifica fiscale nonché l’esecuzione delle indagini finanziarie effettuate sui conti correnti bancari e postali, hanno permesso di ricostruire il reddito reale dell’uomo, nonché di segnalare agli uffici finanziari competenti oltre 1 milione e mezzo di ricavi non dichiarati ed Iva per oltre 300.000 euro.

Nonostante le ingenti disponibilità di denaro, il finto nullatenente non aveva esitato a richiedere l’alloggio all’Ater triestina per motivi legati al reddito, formalmente inesistente, tanto da riuscire ad ottenere un appartamento con canone di locazione irrisorio.

Al termine delle attività il truffatore è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria per le violazioni previste e punite dalle norme regolanti la materia dei reati tributari nonché per il delitto di indebita percezione di erogazioni pubbliche a danno del bilancio locale.

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.