• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Dom05262024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

Nuova area giochi a Grado Pineta. Ma si può installare proprio di tutto?

Nuova area giochi a Grado PIneta. Ma si può installare proprio di tutto?

Grado (GO) - Da qualche tempo non passa inosservata, sulla spiaggia di Grado PIneta, la nuova ara giochi destinata ai bambini le cui famiglie decideranno di trascorrere un po' di vacanza sulla sabbia.

Si va al mare per uscire dalla città, cercare il contatto con la natura.

E invece... [continua a leggere, e a guardare, su limonate.net]

Gambling online, i pro e i contro dei giochi in rete

La passione del gioco d'azzardo è ormai spopolata lungo tutta la penisola, con gli italiani che si dedicano alle scommesse come passatempo preferito.
 
Tanto da costringere le aziende di gambling (Pokerstars, 32Red, William Hill, etc.) a elaborare un servizio online efficace e affidabile tanto quello offerto da casinò e mini-casinò. A volte anche di più, facendo preferire la versione più tecnologica alla tradizionale.
 
E' il caso delle slot machine, che con l'avvento di internet hanno visto un incremento esponenziale.
 
Dati AGIMEG parlano di un +31% della specialità nella rete, dove il successo è ottenuto soprattutto grazie a sicurezza e comodità. I migliori casinò online offrono la garanzia di AAMS di restituire una percentuale garantita in jackpot, e non sono passibili delle manomissioni potenzialmente più semplici per gli apparecchi delle sale da gioco.
 
Siti come 32Red hanno poi introdotto l' “html5”, grazie al quale è possibile divertirsi alle slot senza bisogno di scaricare un software. In questo campo dunque sembra che l'esperienza di internet abbia portato un notevole miglioramento, togliendo lo stress portato dall'attesa o dalla fretta imposta dai giocatori attendenti. Il divertimento delle slot è proprio nel giocare da soli, e per questo la novità internet è imbattibile.
 
Non avviene lo stesso invece per il poker, dove l'online ha portato una rivoluzione anche nel modo di giocare. La velocità di esecuzione delle mani, la riduzione dei tempi d'attesa e l'opportunità di praticare il multi tabling sono tutte innovazioni importantissime per il modo in cui viene percepito il gioco, tanto da aver introdotto nei tornei live giocatori dallo stile molto più aggressivo, proprio perché arrivati dall'esperienza di milioni di mani su internet.
 
La componente matematica diventa più rilevante sui tavoli della rete, dove inevitabilmente si giocano più mani e quindi si riduce il potere della varianza sugli incassi dei giocatori.
 
Di negativo però in rete si perde la percezione di tutti i segnali del corpo, in gergo tecnico “tell”, con cui si può pensare di estrapolare informazioni sulla mano dell'avversario. Inoltre la possibilità di parlare con gli altri giocatori per avere una conversazione o anche solo conoscerli meglio per passare in maniera più piacevole i tempi morti scompare tra una mano e l'altra, rimpiazzata da una chat che non può avere la stessa efficacia.
 
Il discorso sulle chiacchierate con gli altri giocatori rimane vivo anche per specialità più antiche come balckjack e roulette, in cui giocando contro il banco tra i partecipanti al tavolo si crea una sorta di solidarietà, eliminata dall'online che si riscatta solo parzialmente con la chat.
 
Certo il tempo di attesa viene ridotto ai minimi termini, ma l'impatto emotivo sulla partita non è lo stesso. Avere giocatori allo stesso tavolo può anche essere un'arma a doppio taglio dal punto di vista emotivo, per la voglia di rivincita quando si perde e l'orgoglio del vincitore quando la serata gira bene. Tutte emozioni perse davanti allo schermo di un pc. Se sia un bene o un male, poi, spetta al giocatore deciderlo.
 

A Cividale la Grande Guerra raccontata e "vissuta" nell'ex stazione ferroviaria

A Cividale la Grande Guerra raccontata e

Cividale del Friuli (Ud) – Cento anni è un'unità di tempo che per il pianeta significa poco, per l'umanità tantissimo: basti pensare a quanto è cambiato da allora, con un Europa ormai in piena guerra al proprio interno, tra Stati confinanti che fino a poco tempo prima erano in pace tra di loro.

Di celebrazioni e ricordi della Prima Guerra Mondiale ce ne sono stati tanti, in Italia ma soprattutto in regione, per mantenere vivo il significato di quei anni bui e orribili che portarono al massacro milioni di persone in tutto il Continente. Ma non per questo bisogna lasciar stare il tema, perché la Storia è una cosa che va continuamente rivissuta, per conoscerla sempre meglio.

Per questo visitare la mostra “La Grande Guerra sul fronte italiano”, allestita dall'Associazione Culturale Novecento e inaugurata a marzo presso l'ex stazione ferroviaria (nella foto d'epoca/ cividale.com) della cittadina mitteleuropea, è un'esperienza che non fa rimanere indifferenti: aperta gratuitamente al pubblico, tre stanze offrono una panoramica a 360 gradi sul conflitto e sulle ricadute che ebbe in Italia.

Ovviamente con un occhio di riguardo su quanto accadde nelle zone del cividalese, importantissime strategicamente perché lì l'Impero asburgico e il regno sabaudo si scontrarono nelle innumerevoli battaglie di trincea. Fino alla tragica caduta di Caporetto nel 1917, nella quale le truppe nemiche invasero completamente il Friuli, costringendo l'Italia a una precipitosa ritirata fino al Piave. E la fuga passò anche per Cividale, poco distante dall'odierna Kobarid e collegatavi tramite la linea ferroviaria chiusa nel 1932, come testimoniano i reperti esposti dietro le teche.

C'è la storia dei fronti sull'altopiano di Asiago e dell'Isonzo, nei cartelloni bilingue esposti; bombe, armi e attrezzature riempiono gli spazi espositivi, dando la possibilità di studiare da vicino qui drammatici strumenti di morte, tanto innovativi all'iniziodel secolo scorso e tristemente superati oggi, facendo spazio ad armi ben più “efficenti”. E non potevano mancare le copertine della Domenica del Corriere di quel periodo, provenienti addirittura dagli italiani che si erano tasferiti in Sud America, che con le sue celebri illustrazioni racconta le tappe della guerra.

A coinvolgere appieno il visitatore è, però, la ricostruzione fedele di una trincea nell'ultima parte della mostra: le postazioni striminzite dei militari, le foto di parenti e fidanzate attaccate fragilmente al legno, le cuccette riservate agli ufficiali e gli spazi per le canne di fucili, pronti a far fuoco al minimo segnale. Particolari che testimoniano, seppur ricreati cento anni dopo, le condizioni terribili in cui erano immersi gli sfortunati protagonisti di quei anni.

Non sarà il miglior museo sulla Grande Guerra che c'è in Friuli, aperto solo nei fine settimana, ma quello allestito a Cividale ha sicuramente il merito di far sentire sulla pelle un'atmosfera diversa da quella che conosciamo tutti noi: è un vento gelido che stringe il sangue nelle vene, nell'attesa che da dietro la trincea sbuchi il nemico. Uguale a te, ma con una divisa diversa. E per questo va ucciso.   

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.