• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Mer07172024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

Cultura

Tig, teatro per le nuove generazioni: Il poeta Pierluigi Cappello legge Dante

Tig teatro per le nuove generazioni: Il poeta Pierluigi Cappello legge Dante

Chi meglio di un poeta può spiegare e raccontare le immagini, le metafore, lo stile e le figure retoriche del Sommo poeta? Sarà di sicuro per questa ragione che il Teatrino del Rifo ha invitato proprio Pierluigi Cappello (foto in alto con il Presidente Giogio Napolitano alla cerimonia di consegna del Premio De Sica)  - poeta Premio Montale 2004 e Premio Viareggio - Rèpaci 2010, a cui pochi giorni fa l’Università di Udine ha voluto attribuire una Laurea honoris causa -  ad accompagnare le letture sceniche di D’Ante Litteram Inferno 3-5-26,  come d’altra parte lo stesso Dante volle farsi accompagnare da un poeta come Virgilio fra le cantiche della sua Divina Commedia.

Da gennaio 2014 lo spettacolo D’Ante Litteram entrerà nelle classi e nelle aule magne con la missione di appassionare alla poesia di Dante con il suo stile fresco e diretto gli studenti delle scuole superiori di Udine e Provincia che aderiranno alla stagione del  TIG Teatro per le nuove generazioni 2013_2014 ideata e organizzata dal CSS Teatro stabile di innovazione del FVG.

Ma intanto gli insegnanti, gli educatori, gli operatori e mediatori culturali potranno farsi un’idea della proposta artistica e del valore culturale e didattico dello spettacolo in occasione di una visione in anteprima a ingresso libero (previa prenotazione chiamando allo 0432.504765 o scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) in programma mercoledì 2 ottobre, al Teatro S. Giorgio di Udine, con inizio alle ore 17.00.

Al centro dello spettacolo D’Ante Litteram ci sono le letture di tre notissimi canti dell’Inferno, la cantica più appassionante e densa di suggestioni dell’opera dantesca. Tre lettori danteschi – gli attori Rita Maffei, Giorgio Monte e Manuel Buttus – si passano la parola attraverso i versi del terzo canto dell’Inferno,  la prima soglia della città dannata, per iniziare la discesa fino al canto d’amore per antonomasia, il canto di Paolo e Francesca (quinto canto), giù giù fino all’incontro fra Dante con Ulisse,  autentico inno alla conoscenza che innalza l’uomo dai suoi istinti più contingenti. Fra le letture, ci sarà sempre un commentatore d’eccezione come Cappello,  pronto a gettare con le sue annotazioni poetiche una luce nuova ai versi e alle terzine di Dante.

Prossimamente, a Udine e a Cervignano del Friuli (in collaborazione con la Biblioteca civica), gli incontri e laboratori di Fare Teatro per fare meglio scuola proseguono con approfondimenti sugli spettacoli Topochef  (20 novembre: incontro di preparazione e visita in teatro durante le prove dello spettacolo, 16 gennaio: incontro di approfondimento sugli aspetti di educazione alimentare), Favole al (video) telefono (12-13 febbraio: incontri sulla tecnica del “teleracconto” o digital story-telling con Carlo Presotto), Kome un kiodo nella testa(24-25 e 27-28 febbraio: incontro al termine dello spettacolo a cura di Pino Roveredo), Giungla (18 e 20 marzo:lezione-spettacolo a cura di Roberto Anglisani sulla narrazione e la lettura ad alta voce), La scatola dei giochi (14 aprile e 7 maggio: laboratorio sull’uso del suono e della voce in classe, a cura di Eleonora Ribis). Il ciclo si conclude con un laboratorio di lettura in versi, Vivavoce Poesia, a cura della scrittrice per l’infanzia Chiara Carminati (18-19 febbraio). Ulteriori dettagli al sito: www.cssudine.it

Parchi e giardini storici: il volume che svela un patrimonio presentato al Museo etnografico di Udine

Parchi e giardini storici: il volume che svela un patrimonio presentato al Museo etnografico di Udin

E' dedicata ai parchi e ai giradini storici della regione, la nuova pubblicazione "Parchi e giardini storici del Friuli Venezia Giulia. Un patrimonio che si svela." Il volume presentato venerdì 27 settembre nel Museo Etnografico di Udine, Palazzo Giacomelli, accoglie in forma divulgativa i risultati di un progetto specifico realizzato dal Centro regionale di catalogazione e restauro dei beni culturali assieme ai "Rotary per la Regione". Un progetto nato nel 2009 per il quale è stato avviato un censimento che individua sulla base di particolare criteri impianti che conservano elementi di storicità e composizioni botaniche di pregio. Il volume, realizzato grazie alla collaborazione con l'ufficio stampa della Regione, è un'opera appassionante tesa a far conoscere e valorizzare alcuni dei tesori "green" più belli del Friuli e mette in evidenza quella che è l'attività del Centro regionale di catalogazione e restauro di Villa Manin impegnata nella testimonianaza, valorizzazione e diffusione di un patrimonio che elenca sino ad oggi 352 persistenze di proprietà pubblica e privata, distribuite in 109 comuni delle quattro provincie. Pregevole il materiale fotografico presente nel volume che non trascura la doppia comunicazione in italiano e inglese, con le testimonianze dei ricercatori coinvolti nel progetto che offre una possibilità di eternità a monumenti concepiti dall'uomo per durare nei secoli che appartengono all'intera collettività della regione Friuli Venezia Giulia

“Udesign compilation”: in mostra i designer del futuro

“UDESIGN compilation”: in mostra i designer del futuro

Tavoli, sedute, modulatori di luce: oggetti che sintetizzano estetica e tecnica, ricerca e mercato, teoria e pratica, nel segno del Made in Italy. Sono i lavori dei giovani studenti dell’Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Pordenone in esposizione dal 28 settembre (inaugurazione alle ore 18) al 19 ottobre negli spazi dell’Associazione culturale Interazioni di via Della Rosta 46. L’iniziativa, organizzata da Interazioni e curata da Anna Lombardi, affiancata proprio da due giovanissimi studenti dell’Isia, Jessica Boem e Bruno Testa, è la prima di una serie di mostre dedicate al design che verranno allestite nel corso del 2013 e del 2014 dal titolo UDESIGN single (esposizioni personali) o UDESIGN compilation (collettive) e che permetteranno di ammirare i lavori originali e di qualità di alcuni designer che, negli ultimi 30 anni, hanno inciso nella cultura di progetto delle imprese locali e non solo.

UDESIGN compilation rappresenta un ideale collegamento con la mostra UDESIGN allestita nella Chiesa di San Francesco nel 2011: lì, l’intento era raccogliere il meglio del design prodotto in Friuli Venezia Giulia, costituendo la prima mappatura delle aziende di design friulane; “Per questa prima esposizione invece - ha spiegato Lombardi -, abbiamo scelto designer giovanissimi: hanno 20/22 anni perché l’obiettivo è mostrare come il design parta da uno specifico processo di formazione che, ancora di più in un momento di crisi, sappia affrontare sia le tematiche morfologiche orientate alla coerenza delle strutture formali, sia le componenti basiche del progetto (come funzione e tecnologia), sia infine gli aspetti semantici ed estetico-rituali del prodotto industriale”. E questi, infatti, sono i contenuti che emergeranno dalla mostra, attraverso alcuni oggetti che, pur acerbi, già crescono nel solco della grande tradizione del design italiano: “Per rispondere al presente – ha continuato la curatrice -, bisogna imparare a immaginare il futuro. Per questo sono stati scelti gli studenti dell’Istituto pordenonese: all’Isia, infatti, hanno appreso a progettare oggetti in modo sistemico, analizzandone funzione e segno”. Tre anni fa, infatti, l’Isia di Roma, fondata da Giulio Carlo Argan nel 1973, ha creato una sede staccata nel campus universitario di Pordenone, dove da due anni viene organizzata una settimana del design cui partecipano le aziende del territorio: una scuola che rappresenta un’eccellenza nel panorama dell’educazione universitaria friulana e una grande opportunità per i tanti giovani friulani che possono studiare design senza allontanarsi dalle famiglie.

 

Sottocategorie

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.