• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Mer04242024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

Polizia e Carabinieri scoprono giro di banconote false tra Udine, Gorizia e Nova Gorica

Polizia e Carabinieri intercettano banconote false in circolazione tra Udine, Gorizia e Nova Gorica

Udine - Polizia e Carabinieri in collaborazione con le forze dell’ordine della vicina Slovenia hanno scoperto giri di banconote false spacciate da cittadini stranieri.

Una prima operazione condotta dalla Polizia di Stato di Udine ha portato all’arresto di tre cittadini rumeni e alla denuncia di altri tre in stato di libertà per spendita e introduzione nel territorio dello Stato di monete false.

Il gruppo è stato scoperto dopo che aveva acquistato in una biglietteria i tagliandi di viaggio di una corriera diretta all'estero, pagandoli con banconote false. La responsabile della biglietteria ha chiamato il 113 e sul posto sono intervenuti il Poliziotto di Quartiere e una pattuglia della Squadra Volante della Questura che hanno rintracciato a poca distanza i sei rumeni.

Tre di loro - due uomini e una donna di 28, 49 e 37 anni - sono stati trovati in possesso di altre banconote false, in tagli da 10 e 20 euro, per un totale di 510 euro falsi e sono stati arrestati. Gli altri tre - di 22, 29 e 19 anni - sono stati denunciati. Per tutti e sei il Questore Claudio Cracovia ha già firmato il foglio di via dal Comune di Udine per tre anni.

Una seconda indagine effettuata tra Italia e Slovenia ha fatto emergere un traffico di valuta falsa nell’ambito del gioco d’azzardo.

I Carabinieri di Gorizia hanno intercettato due cittadine cinesi che vivono a Udine, di 50 e 25 anni, e un uomo di 27 anni residente a Gorizia, anche lui di nazionalità cinese, che usavano banconote false per puntate ai casinò oltreconfine.

A condurre l’inchiesta sono stati i militari dell'Arma del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Gorizia, comandato dal maggiore Pasquale Starace, insieme alla polizia criminale slovena di Nuova Gorica.

I cittadini cinesi sono stati denunciati all'autorità giudiziaria a piede libero per detenzione e spendita di moneta falsa.

L’indagine nasce da una richiesta di collaborazione internazionale inoltrata dall’autorità giudiziaria slovena, che ha portato i carabinieri e i colleghi della polizia slovena a identificare i tre cinesi, ritenuti responsabili della spendita di numerose banconote false di vario taglio in alcune sale da gioco di Nuova Gorica.

In queste case da gioco sono state sequestrate 10 banconote da 20 euro, 22 banconote da 50 euro, 15 banconote da 100 euro e una banconota da 200 euro, per un importo complessivo di circa 3000 euro.

Successive verifiche hanno appurato che le banconote fossero di provenienza italiana, nello specifico campana e appartenere al cosiddetto “Napoli Group”, ritenuto responsabile, dagli esperti del settore, della produzione del 90% degli euro falsi in circolazione.

Imprenditore friulano fermato dalla Finanza: aveva oltre un chilo di marijuana in auto

Imprenditore friulano fermato dalla Finanza: aveva oltre un chilo di marijuana in auto

Udine - Un imprenditore friulano è stato arrestato dai Finanzieri del Comando Provinciale di Udine per il trasporto, con finalità di spaccio, di 1200 grammi di marijuana e 12 grammi di cocaina, occultati all’interno del suo bagaglio in 6 involucri sottovuoto, del tipo di quelli in uso per i prodotti alimentari, spesso adoperati dai trafficanti nella speranza che impediscano ai cani antidroga di scoprire lo stupefacente.

L’uomo, un 42enne friulano, titolare di ben tre attività di ristorazione in provincia di Udine e di un’altra in Austria, era di ritorno da un breve viaggio in Sicilia, fatto assieme ad un suo dipendente, originario di quella Regione, quando, all’altezza del casello autostradale di Palmanova, è stato fermato dalle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria di Udine per un normale controllo.

L’anomala fretta dimostrata nel volersi liberare da quell’incidente di percorso, giustificata dalla necessità di dover arrivare presto in Austria - Stato, peraltro, di immatricolazione dell’auto - ha, però, insospettito i militari che, all’interno della bauliera hanno rinvenuto sia lo stupefacente che 2.600 euro in contanti, ritenuti provento dello spaccio.

Le immediate perquisizioni fatte dai Finanzieri nei tre locali della provincia e nelle due abitazioni in uso all’uomo hanno permesso di rinvenire altri 12 grammi di marijuana, indicati dal ristoratore, in un estremo tentativo di difesa, come detenuti per uso personale.

Su richiesta delle Fiamme Gialle - e grazie al supporto della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga del Ministero dell’Interno - analoga attività di ricerca è stata eseguita in Austria, dalla locale Polizia, nei due locali nella disponibilità dell’uomo.

L’uomo, incensurato, è stato tratto in arresto ed associato alla casa circondariale di Udine. La sua posizione, ora al vaglio della Magistratura, verrà analizzata dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria anche in ordine alle evidenti disponibilità finanziarie alla base dell’avvio di ben 4 attività di ristorazione tra Italia e Austria.

 

 

 

 

 

 

Scontro frontale fra due auto a Pavia di Udine, muore un bambino di 4 anni

Scontro frontale fra due auto a Pavia di Udine, muore un bambino di 4 anni

Udine - Un bambino di quattro anni, Federico Pablo Baron, è morto nello scontro frontale fra una Citroen C2 e un Suv, avvenuto mercoledì 26 ottobre a Pavia di Udine, nei pressi di una rotonda che conduce a Palmanova (Ud).

Per cause in corso di accertamento da parte della polizia stradale di Tolmezzo, le due auto, i cui passeggeri sono residenti a Pavia di Udine, si sono scontrate frontalmente in prossimità di una parte della carreggiata in curva; una è finita nel campo di mais, l'altra sul bordo della strada.

Il bambino, che viaggiava sul sedile posteriore della Citroen guidata dalla mamma, la signora Solaye Noboa, è stato rianimato sul posto e portato in elicottero all'ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine, dove è morto poco dopo il ricovero.

Oltre al bambino, nello scontro sono rimasti coinvolti la mamma ed un'altra persona, che era alla guida del Suv. Le loro condizioni non destano preoccupazione.

Sul luogo dell'incidente, oltre ai sanitari del 118, sono intervenuti i Vigili del Fuoco e la Polizia stradale di Tolmezzo (Ud).
 

 

 

 

 

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.