• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Mer07172024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

Birra green nel cuore del Friuli: l'accordo tra birra Castello e il Ministero dell'Ambiente

Birra green nel cuore del Friuli: l'accordo tra birra Castello e il Ministero dell'Ambiente

Gli impegni volontari delle imprese per la valutazione dell’impronta ambientale, finalizzati in particolare al calcolo della carbon footprint e alla riduzione delle emissioni dei gas ad effetto serra, stanno assumendo un ruolo sempre più significativo per il rafforzamento delle azioni previste dalle norme e dalle politiche governative nell’ambito del Protocollo di Kyoto e del “Pacchetto Clima-Energia” adottato dal Consiglio dell’Unione Europea nel 2008.

In questo contesto il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, impegnato da tempo nel supporto alle iniziative volontarie del settore produttivo italiano, ha avviato un intenso programma sull’impronta ambientale dei prodotti/servizi al fine di sperimentare su vasta scala e ottimizzare le differenti metodologie di misurazione delle prestazioni ambientali, tenendo conto delle caratteristiche dei diversi settori economici, al fine di poterle armonizzare e renderle replicabili.

L’iniziativa è finalizzata, inoltre, alla individuazione delle procedure di carbon management delle imprese e alla diffusione nei processi produttivi di tecnologie e buone pratiche a basso contenuto di carbonio. Tali attività rappresentano: un driver non solo ambientale ma anche di competitività per il sistema delle aziende italiane che tiene conto dell’importanza che oggi sul mercato è dato ai requisiti “ecologici” dei prodotti; un importante strumento di sviluppo economico e commerciale in direzione di un’economia sempre più sostenibile; un’opportunità per creare una nuova consapevolezza nel consumatore verso scelte più responsabili e comportamenti virtuosi.

Per la realizzazione del programma è stata istituita, presso la Segreteria tecnica del Ministro, la “Task Force per la valutazione dell’impronta ambientale dei sistemi e dei modelli di produzione e consumo”. Il compito principale della “Task Force” è quello di assistere il Ministero nella progettazione e realizzazione delle attività di competenza, con particolare riferimento al calcolo di carbon footprint e water footprint previsto da accordi volontari con Enti pubblici e imprese, o derivanti da procedure di selezione pubblica promosse e finanziate dal Ministero, in Italia e all’estero.

Hanno aderito al programma promosso dal Ministero dell’Ambiente molte grandi aziende nazionali: Gucci, Gruppo Benetton, Cucinelli (tessile, pelletteria e moda), Autostrade per l’Italia, Aeroporti di Puglia, Autovie Venete, UniCredit, Telecom Italia, SAP Italia, Telespazio, GiPlanet, Autodromo di Modena (infrastrutture e servizi), San Benedetto, Illycaffè, Carlsberg Italia, Birra Castello, Pasta Mosconi (beverage e alimentare), Archimede Solar Energy (energie rinnovabili), L’Oreal, Pirelli & C., Palazzetti Lelio, MCZ Group, Colorificio San Marco (industria), una serie di industrie vitivinicole (Principi di Porcìa, Tasca d’Almerita, Azienda Vitivinicola Planeta, Marchesi Antinori, Mastroberardino , Agricola Castello Montevibiano Vecchio, Masi Agricola, F.lli Gancia & Co., Michele Chiarlo Azienda Vitivinicola e Venica&Venica); LeFay Resort (turismo), Università Cà Foscari Venezia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Università della Calabria (Formazione), Comuni di Leni, Malfa e Santa Marina di Salina (municipalità).

Hanno vinto il bando del Ministero:Caseificio dell’Amiata, Acqua Minerale San Benedetto , Lete , COOP Italia, Latteria Montello, Distretto Latte Lombardo, Cantine San Marco, Industrie Rolli Alimentari, Eridania Sadam, Azienda Agricola IANVS, Granarolo, Agricola Castello Monte Vibiano Vecchio, Sorrento Sapori e Tradizioni, Attività Riunite Alimentare, Ecor NaturaSì, Ai.Trai, Emilceramica, Gruppo Millepiani, Grafiche Bovini, Suncover, Bauxt, Cispa.

La carbon footprint è una misura che esprime in CO2equivalente il totale delle emissioni di gas ad effetto serra associate direttamente o indirettamente ad un prodotto, un’organizzazione o un servizio.

In conformità al Protocollo di Kyoto, i gas ad effetto serra da includere sono: anidride carbonica (CO2), metano (CH4), protossido d’azoto (N2O), idrofluorocarburi (HFCs), esafluoruro di zolfo (SF6) e perfluorocarburi (PFCs). La tCO2e (tonnellate di CO2 equivalente) permette di esprimere l’effetto serra prodotto da questi gas in riferimento all’effetto serra prodotto dalla CO2, considerato pari a 1 (ad esempio il metano ha un potenziale serra 25 volte superiore rispetto alla CO2, e per questo una tonnellata di metano viene contabilizzata come 25 tonnellate di CO2 equivalente).

La misurazione della carbon footprint di un prodotto o di un processo richiede in particolare l’individuazione e la quantificazione dei consumi di materie prime e di energia nelle fasi selezionate del ciclo di vita dello stesso. A questo proposito l’esperienza degli ultimi anni suggerisce che il label di carbon footprint è percepito dai consumatori come un indice di qualità e sostenibilità delle imprese. Le aziende, oltre a condurre l’analisi e la contabilizzazione delle emissioni di CO2,si impegnano a definire un sistema di carbon management finalizzato all’identificazione e realizzazione di quegli interventi di riduzione delle emissioni, economicamente efficienti, che utilizzano tecnologie a basso contenuto di carbonio. Le misure di riduzione possono essere integrate dalle misure per la neutralizzazione delle emissioni (carbon neutrality), realizzabili attraverso attività che mirano a compensare le emissioni con misure equivalenti volte a ridurle con azioni economicamente più efficienti o più spendibili in termini di immagine (es. piantumazione di alberi, produzione di energia rinnovabile, etc.).

L’impronta idrica è un indicatore del consumo di acqua dolce che include sia l’uso diretto che indiretto di acqua da parte di un consumatore o di un produttore. L’impronta idrica di un singolo, una comunità o di un’azienda è definita come il volume totale di acqua dolce utilizzata per produrre beni e servizi, misurata in termini di volumi d’acqua consumati (evaporati o incorporati in un prodotto) e inquinati per unità di tempo. Nella definizione dell’impronta idrica è data inoltre rilevanza alla localizzazione geografica dei punti di captazione della risorsa. Il water footprint assessment si sviluppa in tre fasi:

  • quantificazione e localizzazione dell’impronta idrica di un prodotto o di un processo nel periodo di riferimento;
  • valutazione della sostenibilità ambientale, sociale ed economica dell’impronta idrica;
  • individuazione delle strategie di riduzione della stessa.

Il computo globale della water footprint è dato dalla somma di tre componenti:

  • Acqua blu: si riferisce al prelievo di acque superficiali e sotterranee destinate ad un utilizzo per scopi agricoli, domestici e industriali. È la quantità di acqua dolce che non torna a valle del processo produttivo nel medesimo punto in cui è stata prelevata o vi torna, ma in tempi diversi;
  • Acqua verde: è il volume di acqua piovana che non contribuisce al ruscellamento superficiale e si riferisce principalmente all’acqua evapo-traspirata per un utilizzo agricolo;
  • Acqua grigia: rappresenta il volume di acqua inquinata, quantificata come il volume di acqua necessario per diluire gli inquinanti al punto che la qualità delle acque torni sopra gli standard di qualità.

L’utilizzo delle tre componenti di acqua virtuale incide in modo diverso sul ciclo idrogeologico. Ad esempio, il consumo di acqua verde esercita un impatto meno invasivo sugli equilibri ambientali rispetto al consumo di acqua blu. La water footprint offre quindi una migliore e più ampia prospettiva su come il consumatore o produttore influisce sull’utilizzo di acqua dolce. Essa è una misura volumetrica del consumo e dell’inquinamento dell’acqua. Non misura quindi la gravità dell’impatto a livello locale, ma fornisce un’indicazione sulla sostenibilità spazio-temporale dalla risorsa acqua utilizzata per fini antropici.

Tutto il Comune di Udine festeggia l'approvazione del nuovo piano regolatore

Tutto il Comune di Udine festeggia il'approvazione del nuovo piano regolatore

“A conclusione del percorso che ha portato all'approvazione del nuovo Prgc, l’assessorato alla Pianificazione territoriale ha il piacere di invitarla ad un brindisi che si terrà al terzo piano di Palazzo D’Aronco”. C’era scritto questo nell’invito spedito qualche giorno fa dagli uffici comunali alla Pianificazione Territoriale. E oggi, 23 gennaio, erano davvero in tanti a festeggiare il nuovo piano regolatore comunale che dopo la pubblicazione sul bur regionale è ora definitivamente e ufficialmente realtà.

“È un piano realistico e realizzabile – ha sottolineato il sindaco Furio Honsell – che pone il cittadino al centro, che semplifica e razionalizza il territorio, interpretando la vocazione che Udine ha sviluppato negli ultimi 40 anni. I principi sono quelli di garantire qualità della vita e sostenibilità, ma anche fermare il consumo di territorio. Il significato di questo piano regolatore non è quello di fare di Udine una città grande, come alcune visioni del passato, ma una grande città modello di gestione del territorio. Un altro aspetto a cui tengo molto – ha concluso Honsell al taglio del nastro – è che questo piano è stato realizzato grazie al lavoro di tanti professionisti interni del Comune di Udine. Per questo motivo voglio ringraziare personalmente tutti, dal direttore di dipartimento Luigi Fantini al dirigente Giorgio Pilosio, ma anche tutti gli altri: Raffaele Shaurli, Mauro D’Odorico, Alessandro Bertoli, Amanda Burelli, Emiliano Francescut, Diana Calligaro, Onorio Martinuzzi, Massimo Mattiussi, Francesco Carbone, Roberto Berti, Renzo Girardello, Emanuela Sgobino, Paola Rusich, Luciano Sapienza, Mario Garbino, Loredana Cecovic, Bruno Grizzaffi e Andrea Romanini”.

All’affissione ufficiale del nuovo piano nel corridoio degli uffici della Pianificazione Territoriale erano presenti, oltre ai dipendenti comunali in vario modo coinvolti nella stesura del prgc e al sindaco, l’assessore alla Pianificazione Territoriale, Mariagrazia Santoro, insieme ad altri colleghi di giunta, e diversi consiglieri comunali di maggioranza e opposizione.

“Vorrei solo dire grazie a tutti – ha commentato Santoro – perché questo piano è come un grande puzzle dove ciascun tassello, seppur piccolo, è stato determinante. Dalla segreteria generale impegnata nelle 100 ore e 50 minuti di 32 sedute di commissione Territorio e Ambiente a tutte le professionalità che hanno redatto il piano. Grazie perché senza di voi tutto questo non sarebbe stato impossibile”.

 

Dopo i discorsi ufficiali via al brindisi e al taglio della torta appositamente creata per l’occasione e con l’immagine del nuovo piano regolatore stampato sopra.

 

 

Trasferimento del Tribunale da Tolmezzo a Udine, Honsell replica a Zearo

Trasferimento del Tribunale da Tolmezzo a Udine, Honsell replica a Zearo

“Dispiace che il sindaco Zearo attacchi questa amministrazione quando forse avrebbe dovuto attaccare il Governo che la sua parte politica ha sostenuto e che è il responsabile di questa assurda decisione. Decisione, tra l’altro, che il Comune di Udine subisce e che è anche onerosa per le casse comunali del capoluogo friulano”.


Così il sindaco di Udine, Furio Honsell, replica al primo cittadino di Tolmezzo che dalle pagine dei giornali ha criticato l’amministrazione comunale sul trasferimento del Tribunale di Tolmezzo a Udine. Un trasferimento che comporta la chiusura del tribunale tolmezzino per accorparlo a quello di Udine.

“Per quanto mi riguarda – prosegue Honsell – ho più volte espresso al tribunale la valutazione che dal punto di vista dei costi sarebbe più economico mantenere a Tolmezzo il tribunale. Spero che a Roma ci ripensino e si rendano conto che quel trasferimento è molto oneroso per le casse pubbliche. A differenza di quanto Zearo afferma – ribatte il primo cittadino – non ho mai pensato che il trasferimento producesse dei vantaggi al tessuto economico della città di Udine e, anzi, sono e sono sempre stato dalla parte dei carnici e a fianco della loro battaglia. Spero che i tribunali a cui si è presentato ricorso contro il trasferimento diano loro ragione. Il sindaco Zearo – conclude Honsell – dovrebbe comunque sapere che l’attuale legge assegna l’obbligo istituzionale ai Comuni che ospitano i tribunali a far fronte alle loro esigenze, qualora vengano espresse, in quanto è un servizio pubblico a favore dei cittadini che non possono essere danneggiati a causa delle errate valutazioni dei ministri. Invito dunque Zearo a non attaccare più me ma coloro che quella decisione hanno preso”.

 


 

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.