• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Sab05252024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

Insigne inventa, la pioggia ci mette lo zampino e il Napoli sfata il tabù Friuli. Fotogallery

Insigne inventa, la pioggia ci mette lo zampino e il Napoli sfata il tabù Friuli. Fotogallery

Udine - Il Napoli ha Insigne e l'Udinese no. Potrebbe spiegarsi semplicemente così la partita casalinga dei friulani contro i partenopei. In realtà c'è ancora una cosa che ha permesso al Napoli di vincere la partita: la pioggia. Anzi, solo 10 minuti di pioggia.

Strano ma vero, nei 10 minuti d’acqua sullo stadio Friuli l'Udinese si è arenata concedendo due gol capolavoro alla punta più prestigiosa del Napoli, più una traversa che ancora trema.

Il primo tempo è uno studio serrato fra le due squadre che si punzecchiano senza però affondare mai, forse tranne che per un paio di occasioni più avvincenti dell'Udinese, ma niente di più... e il primo tempo resta sullo zero a zero.

La gara si è decisa nel secondo tempo, dopo una prima frazione avara di emozioni, con due difese attente a non concedere spazio all'avversario e chiusa a reti inviolate.

La musica cambia nella ripresa, con il Napoli rientrato in campo con un piglio nuovo e capace di punire la squadra di Del Neri alla prima disattenzione difensiva. Con la pioggia per dieci minuti i friulani accusano il fato e incassano due gol di uno strepitoso Insigne che sfrutta al meglio le tre grosse opportunità che il Napoli riesce a creare. La terza si stampa sul legno.

Al 2' l’attaccante si fa trovare smarcato al centro dell'area per raccogliere il cross dalla destra di Callejon e mette in rete. Al 12'  approfitta di un nuovo svarione di Widmer su un traversone dalla destra,di Hysaj e realizza il raddoppio.

L'Udinese però non alza bandiera bianca e dopo appena due minuti accorcia le distanze con un'incornata di testa di Perica, subentrato a Matos sei minuti prima. Un gol che potrebbe riaprire la partita.  

Sarri capisce lo stato delle cose e comincia a rinforzare il centro e la retroguardia, risparmiando Hamsik e lo stesso Insigne e con l'esperienza porta a casa la vittoria. Strepitoso Insigne che merita la copertina per una gara perfetta, corre, appoggia, scambia e si propone al meglio e anche difende.

La sua partita sembrava quella di un bravo scolaretto che fa tutto quello che il professore dice. Anzi, prima dei gol sembrava solo aver timbrato il cartellino, invece è un giocatore che sa vedere il momento per colpire e quando lo fa è gol, anzi due.

L'Udinese mostra i suoi limiti quando è costretta a far gioco, mentre in trasferta rende meglio con i suoi contropiedi e i risultati lo dimostrano. Prossima partita interna il 5 dicembre contro il Bologna.

Di seguito la fotogallery di Stefano Savini:

  • udin-napoli-10
  • udin-napoli-13
  • udin-napoli-14
  • udin-napoli-16
  • udin-napoli-17
  • udin-napoli-18
  • udin-napoli-19
  • udin-napoli-2
  • udin-napoli-24
  • udin-napoli-25
  • udin-napoli-26
  • udin-napoli-27
  • udin-napoli-28
  • udin-napoli-29
  • udin-napoli-30
  • udin-napoli-31
  • udin-napoli-33
  • udin-napoli-34
  • udin-napoli-37
  • udin-napoli-4
  • udin-napoli-42
  • udin-napoli-43
  • udin-napoli-44
  • udin-napoli-5
  • udin-napoli-7
  • udin-napoli

(Tutti i diritti riservati)

Motori: recensione pneumatici sportivi Goodyear

Con l’Eagle F1 Asymmetric 3, pneumatico ad altissime prestazioni destinato a berline e auto sportive, la Goodyear intende rispondere alla richiesta crescente di pneumatici UHP (Ultra High Performance) da parte del mercato europeo, dovuta a un aumento delle vendite di vetture di dimensioni medie, grandi e di lusso.
 
Lanciato sul mercato nel gennaio 2016, il nuovo pneumatico sportivo Goodyear succede all'Asymmetric 2 che ha ricevuto molti premi in diversi test grazie alle eccellenti performance. Il nuovo pneumatico della serie Asymmetric promette prestazioni ancora più affidabili visto il grande impegno profuso nella progettazione e il lungo lavoro che ha preceduto il lancio sul mercato: 36.000 ore di sviluppo e 5000 test, 3800 dei quali sono stati effettuati in cinque diversi paesi per un totale di 330.000 km.
 
Eagle F1 Asymmetric 3 è uno pneumatico all'insegna del NUOVO: nuova mescola, nuova costruzione e nuova geometria del battistrada. Tutto questo unito a prezzi di vendita molto interessanti quando confrontati con la diretta concorrenza.
 
Le novità che lo caratterizzano:
 
Active Braking: una tecnologia che accresce la superficie di contatto con il suolo determinando una maggiore aderenza durante tutta la fase di frenata e una ridotta distanza di arresto su fondo asciutto e bagnato.
 
Grip Booster: nome con cui viene definita la nuova mescola a cui sono state aggiunte resine adesive che accrescono l'aderenza con la superficie stradale.
 
Costruzione rinforzata della carcassa realizzata con materiali più resistenti che consentono di scaricare la maggior parte del peso nelle parti esterne dello pneumatico determinando grande maneggevolezza, immediata risposta in curva e una minor resistenza al rotolamento, con un conseguente aumento dell'efficienza energetica e consumo omogeneo del battistrada.
 
Test TÜV SÜD
 
L'Eagle F1 Asymmetric 3 è stato sottoposto, su richiesta della Goodyear, al test TÜV SÜD che ha confrontato le sue prestazioni con quelle di tre prodotti principali concorrenti: Michelin Pilot Sport 3, Bridgestone Potenza S001 e Continental Sport Contact 5. I risultati del test hanno dimostrato l'elevata qualità dello pneumatico. L'Eagle F1 Asymmetric ha una distanza di frenata inferiore su asciutto (1,3 m ossia 4% in meno) e bagnato (2,6 m ossia 9% in meno), un comportamento di guida migliore su bagnato e una minore resistenza al rotolamento.
 
Anche la durata dello pneumatico, controllata dall'organizzazione Dekra, è risultata maggiore rispetto alla media dei tre principali concorrenti della fascia premium del 31% circa, ossia  11.500 km in più. Il battistrada asimmetrico assicura agli automobilisti una grande stabilità e permette una veloce evacuazione di fango o acqua. Lo strato del battistrada chiamato “Cool cushion” impedisce il raggiungimento di temperature elevate e riduce la resistenza al rotolamento. La nuova struttura rinforzata determina un grande piacere di guida, risposta immediata in curva e risparmio di carburante.
 
Grazie alle elevate performance e alla grande affidabilità, l'Eagle F1 Asymmetric 3 è stato adottato come primo equipaggiamento dell’Alfa Romeo Giulia, della Chevrolet Camaro, della Jaguar XF e della Mercedes Classe E.
 
L'Eagle F1 Asymmetric 3 è in vendita in 41 misure da 17 a 20 pollici.
 

L'Udinese non vince ma convince: pareggio combattuto e leale col Torino. Le foto dei gol

L'Udinese non vince ma convince: pareggio combattuto e leale col Torino. Le foto dei gol

Udine - Udinese Torino 2-2.  L'Udinese non vince ma convince. Esce un bellissimo pari tra Udinese e Torino con i granata avanti tutta per il 1° tempo e poi una bella Udinese che sfiora la vittoria ma viene raggiunta da un guizzo del Torino che arpiona il pari.

Comincia forte il Torino che fa suo il centro del campo e del gioco, pressando alto e mettendo in affanno la difesa friulana.  

Al 15’ Benassi trova il buco e infila il portiere udinese e 5 minuti dopo il n° 1 friulano salva il risultato con una parata decisiva.

L'Udinese subisce ma non crolla e col passare dei minuti trova equilibrio e si porta in avanti senza inferiorità psicologica, nonostante il Torino sia squadra con caratura superiore.

Le due squadre corrono molto e giocano in velocità cercando di aggredire molto il proprio avversario.

Il 1° tempo finisce 0-1. La ripresa vede l'Udinese manovrare meglio del Torino e al 15° il team di Gigi Delneri trova il pari con un tiro di Thereau che infila l'incolpevole Hart.

Il Torino accusa il colpo e subisce l'aggressività dei friulani che cercano la vittoria e al 71’ arriva il gol del 2-1: Zapata ha tra i piedi la palla buona e riesce, rischiando l'errore, a insaccare sulla destra dell'estremo difensore del Torino.  

Sembra fatta, il Torino è a terra e l'Udinese è padrona del campo ma al 77’ i padroni di casa concedono a Ljajic di prender la mira tra 3 difensori e calciare nell'angolino basso alla destra di Karnezis che non arriva a deviare il tiro vincente. 2-2.

Ora le due squadre vedono arrivare la stanchezza per il tanto correre e lentamente abbassano il ritmo arrivando a 93’ con solo un’occasione degna di nota a favore dei friulani che “rischiano” di fare il terzo gol.

Potevano vincere entrambe le formazioni e alla fine il 2-2 è il giusto risultato di una gara dal carattere rude ma leale. Ottimo il Torino ma l'Udinese non ha sfigurato affatto, dimostrando crescita nel complesso e anche capacità di far risultato, grazie alla grande esperienza di Delneri che sta riuscendo a dare un’anima ai bianconeri.

Prossima partita a Genova e poi al Friuli contro il Napoli tra 15 giorni. L’Udinese è a 14 punti assieme a Inter e Sampdoria.

  • ud-to-11
  • ud-to-12
  • ud-to-14
  • ud-to-16
  • ud-to-17
  • ud-to-19
  • ud-to-2
  • ud-to-20
  • ud-to-21
  • ud-to-23
  • ud-to-24
  • ud-to-27
  • ud-to-28
  • ud-to-29
  • ud-to-3
  • ud-to-30
  • ud-to-31
  • ud-to-33
  • ud-to-34
  • ud-to-38
  • ud-to-39
  • ud-to-4
  • ud-to-7
  • ud-to-9
  • ud-to

 

(Foto di Stefano Savini)

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.