• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Lun05202024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

La Società dei Concerti di Trieste al suo 85° cartellone

La Società dei concerti di Trieste al suo 85° cartellone

Trieste - Ottantacinque anni di attività, un compleanno importante quello che la Società dei Concerti di Trieste festeggia quest’anno. Proteso come sempre a diffondere la cultura della musica, in particolare quella classica e da camera, la SDC si impegna da sempre a far rivivere i classici di sempre con gli elementi di oggi, cercando quelle partiture che saranno il futuro della musica classica. Con queste premesse l’85° cartellone della Società dei Concerti di Trieste è stato presentato oggi, martedì 13 settembre, al Caffè San Marco.

Anche per questa stagione si riconferma con la possibilità per tutti di partecipare a tre dei concerti della Stagione acquistando i biglietti che saranno messi in vendita anche ai non soci.

La Società dei Concerti con i suoi 85 anni di attività ha ospitato negli anni nomi di grande calibro, interpreti leggendari da Backhaus a Benedetti Michelangeli, da Heifetz a Segovia, da Karajan a Rubinstein, da Marian Anderson a Jessie Norman e ha sempre valorizzato senza fini di lucro il culto della buona musica fin dal 1932 con la sola interruzione imposta dagli eventi del 1945.E tale sarà il livello anche di questa Stagione che si sta per aprire.

Firmata per la terza stagione dal M° Enrico Bronzi, la Stagione 2016/17 sarà inaugurata ufficialmente mercoledì 9 novembre alle 20.30 al Teatro Verdi di Trieste con il Trio di Parma insieme al clarinetto di Alessandro Carbonare per “I trii di Brahms II”, il proseguo della passata stagione con il secondo e l’ultimo concerto dell'integrale brahmsiana dei trii con pianoforte, culminante con il commovente Trio Op.114, tra gli esiti più alti dell'ultima stagione del compositore amburghese.

Proseguirà il 30 novembre il progetto decennale, avviato la stagione scorsa, con il pianista Filippo Gamba: le sonate per pianoforte di Beethoven II, la seconda e terza tappa dell'esplorazione del continente pianistico beethoveniano, con la guida sicura di un grande interprete.

L’anno 2017 riaprirà mercoledì 18 gennaio con il pianista Pietro De Maria con una selezione dal maggiore capolavoro pianistico del secondo novecento: gli Studi per pianoforte di György Ligeti.

Ma uno degli appuntamenti più straordinari sarà il concerto con Leonidas Kavakos, al violino e  Enrico Pace al pianoforte il 25 gennaio. Protagonista di riferimento imprescindibile dell'interpretazione di oggi, il violinista greco debutterà a Trieste con un programma beethoveniano in un concerto da non perdere, punta di diamante della stagione.

Il 15 febbraio sarà la volta del Quartetto di Cremona, riconosciuto a livello internazionale per le sue qualità artistiche e interpretative.

Visto inoltre il successo di questa passata edizione con il liederista Matthias Goerne, nel 2017 sarà ospite della Sdc, il 22 febbraio, Matthias Winckhler, insieme a Jan Philip Schulze al pianoforte.  Il baritono tedesco, trionfatore dell'ultimo concorso Mozart di Salisburgo, ci trasporterà in un percorso nel cuore dell'Europa da Schubert a Schumann, fino a raggiungere il suo cuore pulsante: Gustav Mahler.

Il 1 marzo un altro appuntamento d’eccezione: il duo Weithaas-Hoppe. La violinistaAntje Weithaas, considerata una delle grandi del nostro tempo, insieme al pianista Thomas Hoppe suonerà per i soci musiche di F.Schubert , S.Prokofiev e di F.Mendelssohn..

Il 14 marzo il più importante Trio tedesco, il Trio Jean Paul, attivo dal 1991, ci suonerà Beethoven, Rihm e il grande Trio Op.65
di Dvorák
.

Tra gli appuntamenti, il 22 marzo, “Soirée Aperghis”: Donatienne Michel-Dansac, la musa del più sorprendente compositore francese di oggi, ci trascina nei suoi "Tourbillons". Uno straordinario spettacolo multimediale, in esclusiva per la SdC e con la partecipazione dello Zari Duo, orgoglio triestino delle percussioni.

Il 13 aprile appuntamento con ilpianista che l’America ci invidia, Roberto Plano, mentre il 19 aprile toccherà alQuintetto Papageno, nato ai tempi e nella culla dell’Orchestra Mozart di Claudio Abbado, questo giovane quintetto di fiati ci farà ascoltare un percorso musicale tra Danzi, Francaix e Ligeti.

Chiuderà la stagione il 10 maggio Filippo Gamba con il concerto che include il capitolo straordinario delle due Sonate “quasi una fantasia” Op.27.

Per tre dei concerti in cartellone ci sarà la possibilità, anche per chi non fa parte della SDC, di acquistare i singoli biglietti: il primo sarà il 25 gennaio quello con Leonidas Kavakos, la gemma della stagione 2016/17. Il secondo vedrà protagonista il baritone Matthias Winckhler 
e Jan Philip Schulze al pianoforte il 22 febbraio 2017 e infine il 22 marzo “Soirée Aperghis”, lo spettacolo-concerto multimediale con Donatienne Michel-Dansac, soprano, la musa del più sorprendente compositore francese di oggi. Le modalità di acquisto dei biglietti saranno comunicate mezzo stampa.

Inoltre anche quest’anno si terranno delle conferenze per approfondire i concerti in stagione e per divulgare la cultura della musica. Tra gli ospiti, oltre allo stesso direttore artistico Enrico Bronzi, anche Alberto Batisti e Sergio Cimarosti.

Per coloro che desiderano associarsi sarà possibile farlo mercoledì 14 settembre fino all’inizio della Stagione. La tessera permetterà l’accesso a tutti i 12 concerti del calendario e alle altre attività della SDC.

Promo Premium: socio che presenta almeno un nuovo Socio, sconto 25% a entrambi con vincolo di acquisto congiunto degli abbonamenti. Promo Giovani: under 35 anni, sconto 25% sul canone di tutti gli ordini di posto oppure Loggione a € 50. Promo Nuovo ingresso: over 35 anni, sconto 10% per il primo anno.

Si riconfermano le tessere per i giovani: «La Fondazione CRTrieste, attiva da sempre nel contribuire alla crescita culturale dei giovani, sostiene anche quest'anno la Società dei Concerti attraverso un programma rivolto all'acquisto di tessere "socio per studenti". L’educazione al teatro e alla musica  è per Fondazione una componente importante per la formazione dei giovani, che ha l'obiettivo di poter offrire ai ragazzi un approccio corretto al mondo della musica, all'arte e alla cultura in generale.  Un primo passo per formare un pubblico preparato e appassionato, assolvendo anche a una funzione di carattere educativo»

Tutte le promozioni sono disponibili sul sito www.societadeiconcerti.net

La Stagione 2016/17 è realizzata grazie al sostegno di tutti i Soci, al partenariato con la Fondazione Teatro Lirico G. Verdi, con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Fondazione CRTrieste e della Fondazione Benefica Alberto & Kathleen Foreman Casali, in collaborazione con il Circolo della Cultura e delle Arti di Trieste e con la collaborazione del Comune di Trieste.

Sono intervenuti alla conferenza stampa: Nello Gonzini ed Enrico Bronzi, rispettivamente Presidente e direttore artistico della SdC, Maria Teresa Bassa Poropat, Presidente della Provincia di Trieste.

Per sostenere le attività musicali della SdC da quest’anno è possibile farlo anche donando il 5x1000 (CF. 80018240327).

Info tel. 040 36 24 08 e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Facebook Società dei Concerti www.societadeiconcerti.net

Chamber Music: al via la 15^ Festival pianistico “Giovani interpreti & grandi Maestri”

Chamber Music: al via la 15^ Festival pianistico “Giovani interpreti & grandi Maestri”

Trieste - Un filo conduttore tematico è il nuovo e suggestivo denominatore per i concerti del 15^ Festival pianistico “Giovani interpreti & grandi Maestri”, dal 19 settembre al 17 ottobre 2016 nella Sala Ridotto del Teatro Verdi di Trieste.

Curato e promosso da Chamber Music Trieste per la direzione artistica di Fedra Florit, affidera’ l’ouverture al pianista russo Evgeni Koroliov, fra i maggiori interpreti del nostro tempo. Lunedì 19 settembre alle ore 20.30, riflettori su “L'inesauribile immaginazione” per le musiche di J.S. Bach, Schubert e Beethoven. Evgeni Koroliov, nato a Mosca nel 1949, è internazionalmente conosciuto per la sua straordinaria e intensa attività concertistica: affascina il pubblico con il suo approccio intellettuale e l'approfondita conoscenza del repertorio eseguito, al cui servizio mette le sue sorprendenti capacità artistiche e interpretative. Il suo vasto repertorio si estende dal Barocco alla musica di Messiaen e Ligeti, passando attraverso l'Impressionismo, ma è con la musica di Johan Sebastian Bach che sente una grande affinità e a cui è indissolubilmente legato: a soli diciassette anni ha eseguito a Mosca l'intero ciclo del Clavicembalo ben temperato. Da allora ha dedicato numerosi récitals pianistici alle opere bachiane, come, nel 2011, la lunga tournée in Germania con Helmuth Riling e il Bach Collegium Stuttgart durante la quale ha eseguito i concerti per pianoforte di Bach.

Abbonamenti e biglietti presso TICKET POINT TRIESTE, Info: Associazione Chamber Music, tel. 040.3480598 www.acmtrioditrieste.it

Il Festivsl proseguira’ lunedì 26 settembre con “L'Esprit de joie”, filo rosso del concerto di Antonii Baryshevskyi, il pianista ucraino, classe 1988, Primo Premio al Concorso Internazionale Arthur Rubinstein di Tel Aviv 2014, a Trieste su musiche di Chopin, Debussy, Ligeti e Messiaen. Lunedì 3 ottobre la suggestione del pianoforte a quattro mani per il concerto di Philippe Cassard e Cedric Pescia, due artisti di consolidata fama internazionale riuniti a Trieste per “Dialogo a due, poesia sonora”. Lunedì 10 ottobre torna sulle scene del Festival Pianistico un giovane e talentuoso pianista, Alexander Gadjiev, questa volta impegnato al fianco dell’Orchestra I Virtuosi Italiani su musiche di Shostakovich, per una avvincente serata concertistica intorno a “Il diritto di ridere e il turbamento doloroso”. Alla tromba Gabriele Cassone, nel Concerto per pianoforte e tromba  op.35. E lunedì 17 ottobre, per l’ultimo appuntamento in cartellone ancora un ritorno, quello di uno dei maggiori pianisti del nostro tempo, l’acclamato François-Joël Thiollier.

Il Festival Pianistico “Giovani interpreti & Grandi Maestri” è realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività culturali, con il sostegno di ITAS Assicurazioni, Banca Mediolanum, Suono Vivo-Padova,Zoogami, e con il patrocinio del Comune di Trieste. Mediapartner il quotidiano Il Piccolo e la Rai, che riprenderà tutti i concerti in cartellone.

 

“Contrasti 2016” l’irrinunciabile nuova Stagione Musicale della Mitteleuropa Orchestra al Teatro Gustavo Modena.

“Contrasti 2016” l’irrinunciabile nuova Stagione Musicale della Mitteleuropa Orchestra al Teatro Gus

In una conferenza stampa particolarmente "affollata" il Sovrintendente della Mitteleuropa Orchestra Massimo Gabellone ha illustrato ieri la nuova Stagione Musicale dell’Orchestra Regionale.

Un viaggio nella musica di grande respiro, con un precorso suddiviso in 12 concerti di cui sei sinfonici, 2 con orchestre da camera e 4 con ensemble cameristici prenderà il via il 5 ottobre al Teatro Gustavo Modena di Palmanova. Una formula che vede il raddoppio del numero degli appuntamenti (rispetto al 2015) e che vuole rappresentare una crescita importante anche da un punto di vista artistico, in particolare per quanto riguarda i gruppi da camera istituzionali della Mitteleuropa Orchestra, novità rilevante per l’attività dell’orchestra e il suo sviluppo.

La varietà dei contenuti artistici e stilistici e la principale chiave di lettura di questa Stagione musicale, dal titolo "Contrasti 2016", che aggrega e unisce le folgorazioni artistiche dell’800 musicale sinfonico e strumentale passando per il grande repertorio che tocca anche l’opera lirica, pur tuttavia non tralasciando le esperienze barocche di Vivaldi e il ‘900, quest’ultimo inteso anche con una grande produzione, prevista per il 20 ottobre, dedicata a Frank Sinatra, artista eclettico ed emblematico, ben vivo nell’immaginario collettivo per l’originale bellezza delle sue canzoni e del suo swing.

La rappresentazione contrastante avviene nell’intero calendario, in modo talvolta provocatorio rispetto ad un settore come quello della “musica colta” dove si tende ad escludere alcune tipologie musicali, ad esempio dedicate al pop, o ai ritmi frenetici e dalle sonorità spesso pungenti, caratteristiche ad esempio della musica slavo-balcanica, peraltro retaggio della Mitteleuropa intesa come area geografica e culturale, alla quale l’orchestra guarda con crescente interesse in tutte le sue produzioni.

All’interno della programmazione macrocosmica, determinata da scelte precise, i concerti presentati appaiono volutamente in antitesi anche all’interno di ogni singolo programma; dove, ad esempio, si esprime un repertorio “tradizionale” si ravvisano gli elementi delle scuole nazionali contrapposti al sinfonismo classico-romantico con Dvorak e Schubert piuttosto che Vivaldi accostato a Piazzolla o la fragilità strutturale di Schumann rispetto ai grandi templi architettonici di Brahms, o con un interazione tra Mussorgsky e Bregovic, o ancora tra Mozart e Busoni.

La massima resa possibile del progetto, viene affidata a grandi interpreti e prestigiosi direttori d’orchestra, mantenendo l’attenzione anche al Territorio, dal quale nascono le esperienze di eccellenza della giovane violinista, apprezzata in ambito internazionale, Laura Bortolotto, protagonista nel concerto di apertura del 5 ottobre, dell’Orchestra Busoni e del suo direttore Massimo Belli (in concerto l’11 novembre), del direttore Giovanni Pacor, degli ensemble della Mitteleuropa Orchestra; non mancano nomi “simbolo” tra gli esecutori e i direttori, come quello della grande mezzosoprano Daniela Barcellona, diretta da Alessandro Vitiello (protagonisti il 22 dicembre nell’imperdibile concerto conclusivo della Stagione Contrasti), i pianisti Evgenij Koroliov (il 4 novembre), Andrea Bacchetti (il 30 novembre e il 7 dicembre), Lovro Pogorelich (24 novembre), il direttore d’orchestra fiammingo Jan Willem de Vriend (il 5 ottobre nell’irrinunciabile concerto inaugurale), più volte acclamato direttore di prestigiose compagini internazionali, tra le quali la Royal Concertgebouw Orchestra. Particolare rilievo assume la presenza nella stagione dei flautisti Giuseppe Nova e Maxence Larrieu (il 30 novembre) e del Trio Metamorphosi (il 13 dicembre).

La presenza il 24 novembre dell’Orchestra Filarmonica di Sarajevo, diretta da Samra Gulamovic, esprime inoltre un’importante operazione di cooperazione culturale internazionale, condotta a termine dall’Ambasciata d’Italia in Sarajevo grazie ad un accordo col Ministero della Cultura della Bosnia Herzegovina, che nella sua articolazione prevede uno scambio culturale con la Mitteleuropa Orchestra il 26 novembre presso il Teatro Nazionale di Sarajevo, città simbolo di convivenze etniche, culturali e religiose autentico simbolo di grande civiltà e tolleranza.

La Stagione musicale Contrasti 2016 è realizzata dalla Mitteleuropa Orchestra in collaborazione con l’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia. Alla conferenza stampa erano presenti il Presidente Malcangi e il Direttore Renato Manzoni, (ERT),  il Presidente del Consiglio regionale Franco Iacop, l’assessore alla Cultura Gianni Torrenti, il sindaco di Palmanova Enzo Martines, il Presidente Graffi Brunoro ( BCC), e Marco Maria Tosolini (per La Fondazione Crup).

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.