• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Mer07172024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

L'eclissi di sole del 20 marzo osservata a Trieste e in Carso. La galleria fotografica

L'eclissi di sole del 20 marzo osservata a Trieste e in Carso. La galleria fotografica

Trieste - A Trieste e in Carso venerdì 20 marzo molte persone hanno osservato il suggestivo fenomeno dell'eclissi di sole. In piazza Unità d'Italia al momento del picco curiosi, passanti e turisti si sono fermati mentre per breve tempo una insolita oscurità si diffondeva in cielo.

Dopo le 10.38, la Luna è scivolata via lentamente fino ad abbandonare completamente il Sole, alle 11.50. Qualcuno ha indossato occhiali scuri o ha estratto lastre da radiografie attraverso le quali ha osservato il cielo.

Il nostro fotografo Stefano Savini ha scattato alcune foto presso il cimitero di Monrupino:

  • eclissi01
  • eclissi02
  • eclissi03

Fine anno con gelo e bora. Neve sui monti e sul Carso triestino: galleria fotografica

Fine anno con gelo e bora. Neve sui monti e sul Carso triestino: galleria fotografica

Trieste - Le nevicate sono iniziate la notte tra sabato 27 e domenica 28 dicembre ed hanno imbiancato i monti, l’area collinare, l’altipiano carsico a Trieste e l’area di Udine, mentre la neve non ha attaccato sulla parte meridionale della pianura e sulla costa.

Fin dalle prime ore di domenica 28 dicembre i mezzi spargisale della Protezione civile e delle amministrazioni locali sono attivi in Friuli Venezia Giulia per evitare il formarsi del ghiaccio sulle strade. Al momento non si segnalano problemi alla circolazione

Per i prossimi giorni sono previste temperature in ulteriore diminuzione, con gelate intense e diffuse. Venti ancora settentrionali moderati o forti e mari generalmente molto mossi o agitati.

Qui di seguito le foto della nevicata sul Carso triestino, scattate da Stefano Savini:

  • nevica-11
  • nevica-12
  • nevica-13
  • nevica-15
  • nevica-19
  • nevica-2
  • nevica-20
  • nevica-21
  • nevica-22
  • nevica-23
  • nevica-25
  • nevica-26
  • nevica-33
  • nevica-5


(Credits: Stefano Savini; licenza Creative Commons: uso non commerciale, citare la fonte)

La Nave Cavour, portaerei e vero ospedale viaggiante in grado di agire nelle calamità. Le foto

La Nave Cavour, portaerei e vero ospedale viaggiante in grado di agire nelle calamità. Le foto

Trieste - La portaerei Cavour, anche questa presente alla cerimonia sul fronte acqueo davanti a piazza Unità, è una della unità tecnologicamente più avanzate e moderne della Marina.

La Cavour, costruita da Fincantieri, è entrata in servizio il 10 giugno 2009. Nave Cavour, a differenza di altre unità della flotta, è stata concepita con una capacità duale: è in grado, cioè, di compiere missioni di natura non militare, soprattutto in caso di calamità.

La portaerei può imbarcare un completo comando della Protezione Civile e garantire energia elettrica, acqua potabile, pasti caldi e supporto sanitario, oltre che a fungere come snodo di smistamento dei soccorsi.

Ecco un'ampia galleria fotografica degli interni della nave:

  • cavourx41
  • cavourx42
  • cavourx45
  • cavourx48
  • cavourx52
  • cavourx54
  • cavourx55
  • cavourx56
  • cavourx57
  • cavourx63
  • cavourx69
  • cavourx70
  • cavourx71
  • cavourx72
  • cavourx73
  • cavourx74
  • cavourx77
  • cavourx80
  • cavourx81
  • cavourx82


Il vantaggio, già sperimentato in altri interventi della Marina Militare degli ultimi anni, è quello di poter agire dal mare, indipendentemente dallo stato delle infrastrutture della zona sinistrata.

Per i velivoli vi è un hangar interno ,dove alloggiano circa una ventina fra aerei a decollo verticale ed elicotteri strategici e di soccorso.

Per le emergenze, il Cavour può dispiegare a terra, grazie agli aeromobili, un centro di assistenza per 250 persone e può aiutare nell'evacuazione della popolazione civile con 700 posti letto. L'infermeria è altresì dotata di due sale operatorie complete, che possono operare in contemporanea per gli interventi più complessi, accogliendo all'occorrenza personale medico civile.

Nell'area ospedaliera vi è un'attrezzatura per il riconoscimento dei traumi da guerra e da incidenti, con una quarantina di posti letto di cui una decina di letti isolabili in caso di attacchi chimici, una sala disinfestazione ed antibatterica, attrezzature diagnostiche per il monitoraggio delle gravidanze.

La prima missione operativa del Cavour, al comando del capitano di vascello Gianluigi Reversi, ha avuto luogo il 19 gennaio 2010 ad Haiti, allo scopo di recare aiuto alla popolazione colpita dal catastrofico terremoto.

Si è trattato di un'operazione congiunta tra le forze armate italiane e quelle brasiliane. Il dispositivo nazionale interforze, che ha preso parte all'operazione, denominata "White Crane", risultava composto da quasi mille unità di personale tra militare e civile e con circa 200 tonnellate di viveri.

È stata impegnata attivamente anche nell'ambito dell'operazione “Mare Nostrum”, che come noto ha visto trarre in salvo complessivamente 140 mila esseri umani, 100 mila dei quali proprio dalla Marina Militare Italiana.

(Credits: Stefano Savini. Licenza Creative Commons: uso non commerciale, citare la fonte)

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.