• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Gio06202024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

Decretati i vincitori del Science+Fiction film Festival 2015

Decretai i vincitori del  Science+Fiction film Festival 2015

Trieste - È terminata domenica sera, con le premiazioni finali, la quindicesima edizione del Trieste Science+Fiction film Festival 2015, la kermesse internazionale dedicata ai film e ai corti del genere fantastico. Tante produzioni da paesi di tutto il mondo hanno reso ancora più ricca la manifestazione di quest’anno. I premi da assegnare erano sette.

Eccoli:  Wyrmwood dell’australiano Roache-Turner vince il Premio Asteroide, riservato ai migliori registi emergenti di genere science fiction e fantasy.

A Polder di S. Schwarz e J.M. Gruntal va il Meliés d’Argento per il miglior lungometraggio fantastico europeo. Film molto attuale ispirato e ambientato all’interno di un videogioco che gioca continuamente sul labile confine tra vita reale e virtuale.

Il secondo Meliés d’Argento, quello per il cortometraggio migliore premiato dal pubblico, è andato ad O. Sharp col suo The Karman Line.   

A Nina Forever, commedia horror-romantica dalle tinte gotiche di Ben e Chris Blaine, va il premio Wonderland, il secondo assegnato in collaborazione con l’omonimo magazine di Rai 4 dedicato all’immaginario fantascientifico. Si consolida così la collaborazione tra la kermesse triestina e la produzione del canale Rai. La Rai, inoltre, ha già acquistato tre opere viste durante il festival che andranno in onda tra la fine di quest’anno e l’inizio del 2016.

Lo spaventoso horror mozzafiato Howl di Paul Hyett vince il premio “Nocturno” per le prime migliori visioni, un tempo dedicato ai soli registi nostrani, ora attualizzato e internazionalizzato. Il suo terrificante licantropo ci ha tenuti tutti attaccati alle poltrone, facendoci sussultare di paura!

In concorso per il Meliès d’Oro il film austriaco Goodnight Mommy, un film horror psicologico destabilizzante e di grande impatto emotivo.   

E per finire, il Premio del Pubblico è andato a What we do in the shadows, originalissimo e divertentissimo film-documentario sui vampiri. Film neozelandese firmato, prodotto e sceneggiato dai genialiT. Waititi e J. Clement, due idoli in patria. I vampiri esistono davvero, abitano a Wellington, e hanno gli stessi problemi degli umani.

Tanti erano i film e difficili le scelte dei giudici, ma al di là di premi e gusti, questa quindicesima edizione del Trieste Science+Fiction film Festival ci ha regalato grandi visioni e forti emozioni; sei giorni di grande cinema in cui abbiamo potuto conoscere nuovi talenti e rivedere qualche vecchia conoscenza, e che hanno reso Trieste il faro del cinema fantastico internazionale.          

 

 

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.