• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Ven06142024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

Camionista ucciso a Trieste, due fermi: sono cittadini russi

Trieste - Sono proseguite tutta la notte e sono tuttora in corso le indagini dei Carabinieri per identificare il responsabile dell'omicidio di un camionista dell'Est Europa, probabilmente di nazionalità russa, intorno ai 40-45 anni, trovato morto ieri sera, 10 dicembre, nell'autoporto di "Fernetti", sull'altopiano carsico, a pochi chilometri da Trieste, a ridosso del confine fra Italia e Slovenia.

I Carabinieri della Compagnia di Aurisina e del Comando Provinciale di Trieste hanno interrogato numerosi autisti di Tir che si trovavano ieri sera nell'area di sosta dell'autoporto e hanno fatto rilievi e accertamenti tecnici. Sui risultati gli investigatori non fanno trapelare alcun particolare.

Non hanno riferito neanche se sono riusciti a identificare o meno il camionista ucciso, che era senza documenti ed è stato colpito con una coltellata fra l'addome e il petto.

L'uomo - secondo informazioni raccolte sul posto - lavorava per la SnaTrans di Bryansk (Russia), una ditta che si occupa principalmente del trasporto di elettrodomestici e mobili dall'Italia alla Russia.

Sempre secondo informazioni raccolte a Fernetti, l'accoltellamento potrebbe essere avvenuto al termine di una lite cominciata in un bar della zona e proseguita nell'area dell'autoporto.

Intanto, due camionisti russi sono stati sottoposti a fermo dai Carabinieri del Comando provinciale di Trieste quali indiziati dell'omicidio di un loro collega.

I due - si apprende in ambienti di giustizia - sono stati interrogati stamani dagli inquirenti, che hanno concentrato la loro attenzione su di loro per alcune tracce di sangue e per alcuni oggetti della vittima trovati a uno dei due fermati.

L'omicidio - stando sempre alla ricostruzione fatta finora - sarebbe avvenuto al termine di una lite cominciata in un bar di Fernetti.

I due fermati conoscevano la vittima, che si chiamava Roman, aveva 38 anni e lavorava per la SnaTrans di Bryansk (Russia), una ditta che si occupa principalmente del trasporto di elettrodomestici e mobili dall'Italia alla Russia.

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.