• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Ven06142024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

European Maritime Day: più navi e meno Tir

European Maritime Day: più navi e meno Tir

TRIESTE - La tavola rotonda dell’European Maritime Day svoltasi venerdì 25 maggio presso l’Area Science Park di Trieste, che ha visto anche la partecipazione dell’Autorità Portuale, oltre al sindaco Roberto Cosolini, è stata un'importante occasione di confronto e divulgazione sulle tematiche legate al mare ed alla sostenibilità ambientale. Uno degli obiettivi dell'ultimo Libro Bianco sul futuro dei trasporti, adottato dalla Commissione Europea, è portare avanti una politica competitiva e sostenibile. Lo sviluppo di modalità alternative al trasporto via camion è diventato un imperativo che tutti dobbiamo rispettare.

L’autostrada del mare che collega Trieste alla Turchia, la maggiore del Mediterraneo, è senza dubbio uno dei fiori all’occhiello del porto di Trieste, specie se pensiamo ai vantaggi di carattere ambientale che derivano dal decongestionamento del traffico su strada. Rimanendo  in ambito regionale, va segnalato anche l’importante traffico di bramme ferrose, destinate ai laminatoi della zona industriale di Aussa Corno, che arrivano in Adriaterminal dal porto russo di Novorossjisk e da qui ripartono via chiatta per Porto Nogaro.

Dal 2007 – anno in cui è iniziato il servizio - ad oggi, sono state movimentate circa 1.800.000 tonnellate. Un importante risultato se pensiamo che tale sistema di cabotaggio ha tolto dalle strade regionali l’equivalente di 62.000 trasporti via camion, corrispondente a circa 12,5 milioni di chilometri percorsi in meno su strada.

"L’operazione green port che si sta attuando con questa amministrazione - afferma il Presidente Monassi - si focalizza anche su altri importanti progetti tra cui il cold ironing e  lo sviluppo del fotovoltaico.  Inoltre un grande progetto è in corso con il Ministero dell’Ambiente. A dicembre 2011 a Roma è stato sottoscritto con il Dicastero dell’Ambiente un Protocollo d’Intesa sul “Rilancio sostenibile delle aree del Porto di Trieste” finalizzato proprio alla promozione ed allo sviluppo sostenibile del territorio portuale e della sua economia".

"Grazie al Ministro Clini  - continua Marina Monassi - si è superato finalmente quel clima di immobilismo determinato dalla nota problematica del SIN nel comprensorio portuale-industriale della nostra città, con l’adozione di un nuovo tipo di approccio che ha posto in prima linea il rilancio sostenibile delle attività insediabili nell’ambito delle aree del nostro scalo, con particolare riferimento ai siti da recuperare e riconvertire in termini funzionali. Ed è proprio in virtù di questo  accordo che aree caratterizzate da una situazione di forte degrado ambientale, come quelle dove verrà costruita la piattaforma logistica e il terminal ro-ro,  potranno essere bonificate con notevoli vantaggi dal punto di vista ambientale, oltre che economico".

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.