• Home
  • Attualità
  • Cronaca
  • Spettacoli
  • Cultura
  • Benessere
  • Magazine
  • Video
  • EN_blog

Ven06212024

Last updateLun, 27 Feb 2017 8pm

Esplorazione del Timavo, arrivano gli speleosub francesi. Un altro passo per la soluzione del mistero?

Esplorazione del Timavo, arrivano gli speleosub francesi. Un passo per la soluzione del mistero?

Trieste - Il Timavo, il fiume misterioso che nasce in Croazia nella Val Malacca, nella Contea Litoraneo Montana, e si inabissa nella Grotta di San Canziano in Slovenia sfociando a San Giovanni di Duino dopo un percorso sotterraneo di circa 40 km, ha costituito sempre una sfida per i geologi e gli speleosub.

A metà dell'Ottocento, quando si pose il problema dell'approvvigionamento idrico per Trieste, furono condotte ricerche sull'Altipiano carsico in modo pionieristico da speleologi come Anton Frederick Lindner, che – anche grazie ai sacrifici di lavoratori locali (i “grottenarbeiter”) -  portarono alla scoperta ed alla parziale esplorazione della Grotta di Trebiciano.

Le esplorazioni si sono susseguite ininterrottamente da parte di diversi gruppi, tra cui la Società Adriatica di Speleologia di Trieste, che oggi gestisce l'accesso alla Grotta di Trebiciano.

Il 9 agosto sarà una data importante per aggiungere conoscenze importanti sul Timavo: si avvia una campagna speleosubacquea senza precedenti, effettuata dall’équipe appartenente al National Cave Diving Committee della Fédération française d'études et de Sports Sous-Marins, capitanata da Claude Touloumdjian.

La spedizione viene presentata il 29 luglio alle 11.30 a Trieste, presso la Sala conferenze di Palazzo Modello, sede dell'Acegas-Aps Spa, in via dei Rettori 1.

Gli speleosub si immergeranno sia nell'Abisso di Trebiciano che alle sorgenti del Timavo, nella Grotta dei Colombi.

Abbiamo posto alcune domande a Marc Douchet, speleosub e capo della spedizione francese.

Come si svolgerà l'esplorazione?
Il Timavo è un sistema complesso. Quest'anno ci immergeremo in due siti: in primo luogo nel Pozzo dei Colombi. Si tratta di un accesso al Timavo situato a poche centinaia di metri dalla risorgiva vera e propria. La base del pozzo è allagata. Il pozzo continua sott'acqua dove, a -34 metri, si trova il vertice di un cono di detriti.

Sul lato a valle si intercetta il Timavo (l'esplorazione era stata fatta nel 1992 da Bernard Gauche). Dal lato a monte, lo sfaldamento della breccia ha determinato un notevole riempimento e la galleria non supera i 10 m di larghezza e 15 m di altezza. La zona era stata esplorata per 80/90 m da Fred Bernard. C'è da notare che la progressione è contro corrente, con una visibilità di 3 o 4 metri.

Il secondo sito in cui condurremo le esplorazioni è l'abisso di Trebiciano, che si trova nel Comune di Trieste, nei pressi del villaggio omonimo. La grotta è costituita da una lunga serie di scale fisse che scendono fino a -260. Si arriva poi a un gran mucchio di sabbia che ci porta fino a -320 m. Alla base di questa enorme stanza, c'è un grande lago che è in collegamento con le acque del Timavo. La parte a valle è ritenuta impenetrabile: ma questo lo verificheremo. La parte a monte, che si estende per 500 metri, è un corpo idrico sotterraneo immerso tra -20 e -25 metri.

Che cosa si aspetta questa spedizione? Pensa che si potrà meglio comprendere il corso sotterraneo del fiume?
Abbiamo degli obiettivi specifici, ma in realtà non siamo noi a decidere, è il sifone che ha l'ultima parola. Se la corrente è troppo forte nel pozzo o la visibilità è cattiva, non possiamo raggiungere i nostri obiettivi. Ma anche con buone condizioni di immersione non siamo immuni dagli imprevisti: può presentarsi un cambiamento nella morfologia della struttura del sifone che lo rende impenetrabile; i pozzi possono rivelarsi troppo profondi o impenetrabili.

Che cosa è cambiato nelle tecniche di speleosub negli ultimi 20 anni?
La differenza essenziale con le immersioni degli anni '90 è il "rebreather" (respiratore a circuito chiuso, che consente di riciclare l’aria respirata, ndr). Con questo dispositivo si è ridotta notevolmente la logistica (meno materiale, bombole più piccole e più a basso costo soprattutto per quanto riguarda l'elio) per tali immersioni, aumentando la sicurezza, soprattutto per quanto riguarda la decompressione.

Quante persone parteciperanno alla spedizione? Quanti speleosub alla volta si immergeranno?
Siiamo sei sommozzatori francesi a cui si aggiungeranno altrettanti subacquei italiani e una decina di esperti tra speleologi e scienziati italiani. L'esplorazione sarà effettuata con immersioni da soli o in coppia, a seconda delle condizioni del sifone.

La scuola francese di speleosub è giustamente famosa; qual è l'eredità di esploratori come Jacques Cousteau e Claude Touloumdjian?
Tutti i subacquei sono figli naturali di Jaques Cousteau, ma tutti noi speleonauti siamo figli spirituali di Claude Touloumdjian, che sarà uno dei nostri al campo. È lui il fulcro dell'organizzazione di questa spedizione. Più in generale, gli dobbiamo molto per le nostre tecniche di immersioni sotterranee: l'uso di O2, il Trimix, lo scooter, le campane di decompressione ed altri strumenti ormai divenuti indispensabili per questo tipo di esplorazione.

(Vedi anche la galleria fotografica dell'Abisso di Trebiciano)

I risultati della ricerca saranno rielaborati nell’ambito del progetto “Hydro Karst - L’acquifero del Carso quale risorsa idrica strategica transfrontaliera”, Progetto finanziato nell'ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.

Chi siamo

Direttore: Maurizio Pertegato
Capo redattore: Tiziana Melloni
Redazione di Trieste: Serenella Dorigo
Redazione di Udine: Fabiana Dallavalle

Pubblicità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy e cookies

Privacy policy e cookies

Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Per comprendere altro sui cookie e scoprire come cancellarli clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.